Ragazzino picchiato dai genitori salvato da una cameriera grazie a un biglietto

messaggio con richiesta di aiutoIl provvidenziale intervento di una cameriera ha portato alla luce abusi e violenze subite da un ragazzino di 11 anni da parte dei suoi genitori

Portato via dai genitori violenti grazie ad un messaggio e all’intuizione di una cameriera. Flavaine Carvalho è diventata protagonista per pura casualità di una vicenda i cui retroscena sono da incubo: la donna di Orlando, camieriera, non avrebbe dovuto lavorare la notte di Capodanno ma una collega si è ammalata e allora è stata chiamata dal suo capo Rafaela Cabede. “Grazie a lei due bambini sono stati salvati”, ha rivelato il capo della polizia di Orlando, Rolon Orlando, nel corso di una conferenza stampa sottolineando che “se non fosse intervenuta, probabilmente avremmo oggi parlato di una indagine per omicidio“. La donna infatti ha notato che ad uno dei tavoli che stava servendo qualcosa non andava e ha pensato di scrivere un biglietto, passato di nascosto ad un bambino di 11 anni seduto con i genitori e con una ragazza, per chiedergli se fosse tutto ok; ha infatti notato che il bimbo aveva un graffio tra le sopracciglia, che non aveva ordinato nulla e che non stava mangiando niente di ciò che era stato portato in tavola. Le è sembrato strano, anche perchè gli altri parlavano come niente fosse: ha chiesto se andasse tutto bene e le è stato detto che il ragazzino avrebbe cenato a casa. A quel punto Carvalho si è insospettita, e poco dopo ha notato che su viso e corpo dell’11enne c’erano dei lividi.

L’intervento della cameriera

“Pensavo solo di dover fare qualcosa”, ha raccontato la cameriera. Per cui ha scritto un biglietto chiedendogli se stava bene mostrandoglielo alle spalle dei genitori. Il ragazzo ha risposto “no”. “Hai bisogno di aiuto?” ha allora scritto lei. L’11enne ha annuito facendo un movimento con le mani per spiegare che non sapeva cosa fare. A quel punto insieme al capo del ristorante, sono stati allertati i servizi di emergenza. “Uno dei bambini ha molti lividi sulle braccia e sul viso e il genitore non dà da mangiare per lui ma lo dà agli altri bambini che sono con loro”, si sente nella registrazione inviata alla CNN dal Dipartimento di Polizia di Orlando. “Sono super preoccupata e non so cosa fare. Può darmi qualche consiglio?”.

LEGGI ANCHE =>> Padre impazzisce durante il lockdown e taglia la gola ai figli: Mi avevano maltrattato

Le rivelazioni del bimbo: mesi di botte e punizioni

Alla polizia il bambino ha rivelato di aver subito abusi dal patrigno, Timothy Lee Wilson II; l’avrebbe colpito con una scopa di legno, appeso a testa in giù da una porta e punito restando per giorni senza cibo; è stato punito anche il giorno di Natale, quando i genitori gli dissero che era stato Babbo Natale a dire loro di metterlo in punizione. L’uomo è stato arrestato al ristorante e pochi giorni dopo è stata presa in custodia Kristen Swann, la madre del ragazzo, la quale ha ammesso di essere al corrente degli abusi ma di non essere mai intervenuta. Un altro bambino di 4 anni è stato allontanato dai genitori in seguito al loro arresto. In ospedale si è scoperto che l’11enne era in forte sottopeso: “Cià che ha passato è stata una tortura. Se la signora Carvalho non avesse notato qualcosa probabilmente non sarebbe rimasto con noi per molto tempo”.