Storica ritrovamento in Egitto: scoperto il tempio funerario della moglie del re Teti

50 sarcofagiUn tempio funerario e 50 sarcofagi risalenti al 3000 a.C. sono venuti alla luce in Egitto. Mai trovate prima mummie risalenti a questo periodo storico, si può riscrivere la storia di Saqqara

L’Egitto continua a riservare sorprese ma l’ultima scoperta fatta dagli archeologi potrebbe addirittura riscrivere la storia di Saqqara. L’annuncio è stato dato dal Consiglio supremo delle antichità egiziano che ha presentato una scoperta archeologica di enorme portata grazie alla quale sarà possibile aggiungere nuovi preziosi tasselli alla straordinaria storia della necroopoli di Saqqara. Come annunciato dal ministero del turismo egiziano è stato rinvenuto il tempio funerario della moglie del re Teti e con esso oltre 50 sarcofagi in perfetto stato di conservazione. Si tratta di mummie risalenti al 3000 a.C. e la particolarità di questi sarcofagi rispetto agli altri trovati nei mesi scorsi è proprio il fatto che di questo periodo storico non ne erano mai stati scoperti prima d’ora.

LEGGI ANCHE =>> Due autostrade in costruzione tra Le Grandi Piramidi: l’opera che fa infuriare gli egittologi

L’annuncio del ministero del turismo egiziano

Il re Teti è stato il primo faraone della sesta dinastia egizia: la scoperta include il dissotterramento del tempio funerario della moglie e nel corso dell’emozionante missione è venuto alla luce anche il deposito contenente decine di sarcofagi e mummie, posizionati in circa 52 pozzi di profondità variabile e compresa tra 10 e 12 metri. L’egittologo Zahi Hawass, ex ministro delle antichita’, che ha guidato la missione archeologica che ha portato alla straordinaria scoperta ha spiegato che sui sarcofagi sono presenti incisioni dei versi del Libro dei Morti. Aggiungendo che è la prima volta in assoluto che vengono scoperti sarcofagi risalenti a questi periodo.