Roma, salvato un bimbo di un anno che aveva ingerito la cocaina

Il padre: “Forse la cocaina mi era caduta dalla tasca sul divano, quando mi ero seduto”. Il momento di ‘distrazione’ potrebbe costare caro ai genitori del piccolo.

Un bimbo di appena un anno è stato salvato dai medici dell’ospedale Umberto I di Roma. Il piccolo aveva avuto un attacco epilettico, dopo aver assunto accidentalmente della cocaina. L’episodio è avvenuto sabato scorso. Il bimbo è fuori pericolo di vita, ma non è escluso che possa subire conseguenze.

La procura ha aperto un’inchiesta e si appresta a iscrivere sul registro degli indagati i genitori del bimbo per lesioni personali colpose. I genitori, dopo aver notato un’agitazione sospetta nel piccolo, hanno allertato subito il 118: “Nostro figlio sta male, ha dodici mesi, è troppo agitato”. All’arrivo dei soccorsi il neonato è stato subito portato in ospedale. Qui il padre ha ammesso la possibile sua colpa involontaria: “Forse la cocaina mi era caduta dalla tasca sul divano, quando mi ero seduto”.

Bimbo ingerisce cocaina e viene salvato dai medici dell’Umberto I. Il padre del piccolo ammette: “Forse la cocaina mi era caduta dalla tasca sul divano”

I medici, dopo alcuni esami sul piccolo, hanno trovato la sostanza e hanno riscontrato l’attacco epilettico. Il futuro della coppia di genitori ora potrebbe essere buio e il bimbo potrebbe anche essere allontanato da loro e portato in una struttura protetta. I genitori sono accusati di lesioni personali colpose.

Gli agenti di polizia hanno perquisito la casa della coppia, ma non sono state trovate altre sostanze stupefacenti.