Dpcm gennaio 2021: quali saranno le regole di ricongiungimento? Chi si potrà incontrare e chi no?

Conte-Dpcm gennaio 2021

Con l’arrivo del mese di Gennaio 2021, arrivano anche le nuove disposizioni del Dpcm, in merito alle domande poste più frequentemente, al fine di fare chiarezza su quello che si può o non si può fare. Nello specifico, il Governo, cerca di fare chiarezza in merito alla questione del ricongiungimento. All’interno delle Faq, le parole che vengono usate sono sempre quelle di “coniuigi“, o “partner” ma mai, quella di “fidanzati“. Cerchiamo quindi di capire meglio il tutto.

Per tutte quelle coppie che vivono in città diverse, secondo quanto riportato dal nuovo Dpcm di gennaio, il ricongiungimento sarà possibile, solo nella misura in cui, il luogo del ricongiungimento, coincida con quello in cui è presente, la residenza, il domicilio o l’abitazione.

Per quanto riguarda invece, partner e coniugi che vivono distanti, e quindi in regioni diverse, il Governo chiarisce che uno dei due coniugi, può spostarsi ovviamente per raggiungere l’altro, soltanto se l’abitazione utilizzata dalla coppia, risulti presente nel Comune di destinazione oppure ovviamente, se, sempre nel Comune di destinazione, sia  presente la residenza o il domicilio.

Residenza, abitazione e domicilio. Facciamo chiarezza

Al fine di fare ulteriore chiarezza, tra le Faq, viene spiegato meglio, anche il concetto di abitazione, domicilio e residenza. L’abitazione, è il luogo dove di fatto si abita, con una certa stabilità e continuità. Il domicilio, può essere diverso dalla residenza e può essere identificato come il luogo di interesse e affari. La residenza invece è, giuridicamente il luogo in cui la persona ha la sua dimora abituale.

Sono ovviamente consentiti anche gli spostamenti, tra Comuni, Provincie e Regioni, che hanno come motivazione, l’assistenza verso persone non autosufficienti. Tuttavia, anche in questo caso, lo spostamento prevede solo la mobilitazione del numero di persone necessarie a fornire reale aiuto.

Infine, in merito al ricongiungimento verso i minori, da parte di un genitore o di un affidatario, il Dpcm di gennaio 2021, stabilisce: “Gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti anche tra Regioni e tra aree differenti“.