Ha un forte dolore alla gamba, per i medici è ansia: esce strisciando dall’ospedale per una rara malattia

rara malattiaSecondo i medici si trattava di uno stato d’ansia ma il dolore alla gamba che ha colpito un uomo era in realtà il segnale di una seria malattia. Lo hanno dimesso e lui è uscito strisciando dal nosocomio

Secondo i medici stava fingendo di avere un forte dolore alla gamba e per questo hanno rifiutato di sottoporlo a controlli più approfonditi ma, come mostrato in un video diffuso nelle scorse ore sui social, l’uomo è uscito dall’ospedale strisciando. David Pontone, 45 anni, è stato visto trascinarsi letteralmente fuori dall’Humber River Hospital di Toronto a seguito di premature dimissioni perchè lo staff del nosocomio, secondo quanto riportato da CBC News, avrebbe liquidato il suo problema come psicologico. “Pensavano che stessi fingendo perchè sono bipolare”, ha dichiarato l’uomo. La vicenda risale al 2018 ma è divenuta di dominio pubblico dopo che l’emittente televisiva è venuta in possesso del filmato catturato dalle telecamere di sorveglianza e diffuso.

“Non ci sono parole per descrivere quello che ho passato quella notte”, ha detto Pontone al quale era stato diagnosticato un raro disturbo nervoso. Ma quando l’uomo ha detto di assumere farmaci per il disturbo bipolare, e di essere in condizioni stabili da sette anni, un medico ha ordinato una risonanza magnetica indirizzandolo a uno psichiatra di guardia. Il tutto nonostante il 45enne si lamentasse di essere in preda ad un dolore fisico agonizzante. Lo psichiatra avrebbe sottolineato che l’ansia era il suo sintomo dominante, come riportato sulle cartelle cliniche ottenute dall’emittente canadese3.

Le scuse della direzione dell’ospedale

Un’altra nota nelle cartelle cliniche afferma che la visita di Pontone era dovuta al suo “bipolare” e non menziona nemmeno i suoi problemi di deambulazione. Insomma le sue richieste di aiuto sarebbero state di fatto respinte: quando la risonanza magnetica non ha rivelato risultati insoliti, uno psichiatra ha dimesso Pontone, costringendolo a strisciare fuori dall’ospedale sulle sue mani e sulle ginocchia. “Il dolore era insopportabile”, ha detto Pontone. “Essere in grado di camminare correttamente era impossibile.”
In alcuni punti del filmato appena ottenuto, Pontone viene mostrato mentre si dimena sul pavimento mentre un’infermiera è in piedi accanto a lui. “L’infermiera continuava a dire: ‘Sei un ragazzo grande! Sei forte! Dai, ragazzone, alzati! Ero arrabbiato. Mi sentivo totalmente impotente.”

LEGGI ANCHE =>> Emergenza Covid, in Cina hanno costruito un nuovo ospedale in 5 giorni

Pontone ha impiegato circa 20 minuti per raggiungere l’uscita e una guardia di sicurezza lo ha aiutato a salire su un taxi. Un’ambulanza lo ha poi portato al Toronto Western Hospital, dove un neurologo gli ha diagnosticato la sindrome di Guillain-Barré, un disturbo in cui il sistema immunitario di una persona attacca i nervi. La direttrice infermieristica dell’Humber River Hospital di Toronto Vanessa Burkoski in seguito si è scusata, ha detto la famiglia di Pontone. Il portavoce dell’ospedale Joe Gorman ha inviato una dichiarazione dicendo che l’ospedale è “profondamente turbato” dall’incidente e che il personale coinvolto “è stato trattato di conseguenza”.