Morto a 20 anni travolto da una valanga: la tragedia di Matteo Gresta

Valanga in Mortirolo

Niente da fare per Matteo Gresta, il giovane 20 enne travolto da una valanga nel comune di Monno, in Val Camonica, provincia di Brescia, in Lombardia. Il ragazzo, originario di Stazzona, in provincia di Como, si trovava in motoslitta insieme a un gruppo di altre persone, quando è stato colpito in pieno dalla valanga, a circa 2.300 metri.

Così come riportato dal Giornale di Brescia, Il giovane insieme a tre coetanei, si sarebbe avventurato nel tentativo di risalire un canalone, ma proprio nel momento in cui i tre ragazzi, avrebbero deciso di rinunciare all’impresa, vista l’impossibilità causata dall’abbondante neve fresca, una slavina li avrebbe travolti in pieno, colpendo proprio Matteo.

A dare l’allarme proprio uno dei tre ragazzi, sfuggito miracolosamente alla valanga. Sul posto sarebbero intervenuti immediatamente, i soccorritori del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, il Soccorso Alpino della Guardia di Finanza e i Vigili del Fuoco, con tre elicotteri a supporto.

Il giovane 20 enne lascia la madre e i due fratelli

Nonostante il ragazzo sia stato estratto ancora vivo dalla neve, le sue condizione sarebbero apparse sin da subito molto gravi. A nulla sarebbe servito dunque il trasportato in eliambulanza, presso l’ospedale di Bergamo, Papa Giovanni XXIII, dove il ragazzo è in seguito deceduto.

Il giovane 20 enne, che due anni fa aveva perso il padre, tragicamente scomparso a seguito di una caduta mentre stava potando una pianta, lascia la madre e due fratelli. Saranno ora i Carabinieri di Sondrio, a ricostruire gli ultimi attimi di vita del ragazzo prima del tragico incidente, costatogli purtroppo la vita.