Uccide un vicino per ottenere popolarità su TikTok: 18enne in attesa di processo arrestato di nuovo

nuovo arresto dopo l'accusa di omicidioNuovo arresto per un 18enne già accusato di omicidio colposo nel New Jersey. In attesa di processo, questa volta è finito in manette per rissa in Florida

A soli 18 anni deve già affrontare due processi, uno dei quali per omicidio. Un adolescente del New Jersey, accusato di aver pugnalato a morte un vicino per ottenere “fama su TikTok”, è stato arrestato lo scorso fine settimana in Florida per avere minacciato un automobilista. Sachary Latham non è certo un volto sconosciuto alle autorità, essendo in attesa di processo per l’omicidio del 51enne William ‘Timmy’ Durham Sr., suo vicino di casa. Nel mese di maggio lo avrebbe infatti accoltellato durante una rissa e gli avvocati della vittima hanno sottolineato che il crimine sarebbe stato commesso allo scopo di guadagnare popolarità sul social network più amato dai giovanissimi. Dal canto suo Latham ha affermato che l’omicidio sarebbe avvenuto per legittima difesa, dopo una serie di minacce e attacchi ricevute dal 51enne. Ma i legali hanno insistito sul fatto che il 18enne voleva registrare il filmato di una rissa per poi pubblicarlo sui social e che ne aveva già realizzati altri, uno dei quali ha superato le 3 milioni di visualizzazioni. Per tale ragioni i legali, nel sottolineare che se il 18enne avesse temuto per la sua vita avrebbe potuto chiudersi in casa e chiamare la polizia e che invece ha usato una pistola stordente contro l’uomo prima di pugnalarlo ripetutamente, chiedono il massimo della pena.

LEGGI ANCHE =>> Star di TikTok concepisce il terzo figlio mentre è incinta di altri due gemelli: un caso rarissimo

Il 18enne è ora accusato di tre reati

Con il nuovo arresto la situazione per il ragazzo si complica: secondo il nuovo rapporto della polizia Latham è accusato di due capi di imputazione per aggressione criminale. I fatti sarebbero avvenuto vicino al Meridian Center Parkway e lo scontro sarebbe avvenuto con un automobilista contro il quale avrebbe utilizzato una pistola comunemente usata per il softair. Che vanno a sommarsi a quelle di omicidio colposo aggravato e aggressione del mese di maggio. Ed ora, anche in virtù della maggiore età, rischia di dover trascorrere in prigione la sua intera vita.