Festival di Sanremo 2021, Amadeus pronto a lasciare la conduzione e la direzione artistica della kermesse?

In seguito al tweet postato stamattina da Dario Franceschini, Amadeus sarebbe pronto a rassegnare le dimissioni da conduttore e direttore artistico del “Festival di Sanremo 2021”.

Un vero e proprio tornado si sta abbattendo sull’organizzazione del “Festival di Sanremo 2021” che dovrebbe andare in onda su Raiuno dal 2 al 6 marzo. Un tweet postato da Dario Franceschini, Ministro dei Beni culturali e turismo, starebbe mettendo in discussione la buona riuscita dell’evento che, a quanto pare, potrebbe addirittura saltare. Questa mattina, infatti, Franceschini, in merito alla presenza del pubblico al teatro Ariston, ha twittato:

“Il Teatro Ariston di Sanremo è un teatro come tutti gli altri e quindi, come ha chiarito ieri il ministro Roberto Speranza, il pubblico, pagante, gratuito o di figuranti, potrà tornare solo quando le norme lo consentiranno per tutti i teatri e cinema. Speriamo il prima possibile”.

Festival di Sanremo 2021, Amadeus pronto a dimettersi?

Il tweet in questione avrebbe fatto infuriare Amadeus che più volte, durante le numerose interviste rilasciate nelle ultime settimane, ha dichiarato: “Senza pubblico, è impossibile fare il Festival”. Voci di corridoio, riportate dall’“Adnkronos” e confermate da “Dagospie”, dichiarano senza mezzi termini che Amadeus sarebbe pronto a compiere un gesto clamoroso, ossia quello di rassegnare le dimissioni da conduttore e direttore artistico della kermesse. Il presentatore e tutta la squadra organizzativa, compreso Fiorello, avrebbero sottolineato anche come ieri il Ministro della Salute Roberto Speranza non avesse parlato di figuranti, come ha fatto invece Franceschini, le cui parole sono state interpretate come un vero e proprio attacco al Festival. Se Franceschini ritiene che l’Ariston debba essere visto come un vero e proprio teatro (e i teatri, secondo le norme anti Covid, sono chiusi da mesi), Amadeus e i suoi ritengono che l’Ariston debba essere considerato ed utilizzato come uno studio televisivo e molte sono le trasmissioni tv che, negli ultimi mesi, si sono avvalse dell’utilizzo di figuranti. Del resto, il Dpcm spiega molto bene come devono svolgersi gli spettacoli televisivi con la presenza di comparse: “Alle trasmissioni televisive non si applica il divieto previsto per gli spettacoli, perché la presena di pubblico in studio rappresenta soltanto un elemento coreografico e comunque strettamente funzionale alla trasmissione”.

Oggi si riunirà il CDA Rai che affronterà il “caso Sanremo”. Come finirà?

Maria Rita Gagliardi