Covid, viola la quarantena 7 volte in 3 giorni: maxi multa da 35mila dollari

sette volte violazione quarantenaÈ la sanzione più alta mai emessa sull’isola di Taiwan da quando sono in vigore le restrizioni anti Covid. Un uomo dovrà sborsare 35mila dollari per essere uscito di casa sette volte durante la sua quarantena

Ha violato la quarantena domestica ripetutamente e per questo le autorità lo hanno severamente punito. La vicenda arriva da Taichung, nel centro di Taiwan e riguarda un uomo che, dopo essere tornato da un viaggio di lavoro nella Cina continenale, avrebbe dovuto osservare un periodo di quarantena nel suo condominio. Ma, stando a quanto riportato dai media locali, l’avrebbe violata almeno sette volte. In soli tre giorni l’uomo, secondo TTV news, è uscito sette volte dall’appartamento per andare a fare shopping, farsi riparare le macchina e svolgere una serie di altre commissioni di vario tipo. Fin quando sarebbe arrivato ad avere un alterco con uno dei suoi vicini di casa che, sapendo che avrebbe dovuto trascorrere un periodo di quarantena nell’abitazione e vedendolo uscire in continuazione, ha deciso di affrontarlo.

LEGGI ANCHE =>> Sputa addosso a quattro agenti che cercano di arrestarlo ma ha il Covid: tutti in quarantena

Deve restituire il rimborso del governo per la quarantena

Le autorità hanno confermato che l’uomo è arrivato il 21 gennaio sull’isola e che, come previsto dalle norme anti Coronavirus di Taiwan, avrebbe dovuto fare una quarantena di 14 giorni. Il sindaco di Taichung Lu Shiow-yen, ha denunciato il fatto come un “grave reato” e aggiunto che “deve essere punito con severità”. E così oltre ad una maxi multa, la più alta mai emessa ad oggi a Taiwan per questo tipo di reati, l’uomo dovrà sborsare anche una somma quotidiana per il costo della sua quarantena. La sanzione applicata è stata di un milione di nuovi dollari taiwanesi, pari a circa 35mila dollari americani; a questi si sommani i 3000 dollari taiwanesi (107 dollari) che gli erano stati dati dal governo come forma di risarcimento per il periodo di quarantena obbligatoria e dei quali non avrà più diritto. L’isola ha preso molto seriamente la pendamia implementando test di massa e tracciamento dei contatti e applicando rigorosamente le quarantene.