Festa Erasmus illegale con 42 persone ammassate: irruzione dei carabinieri, multati tutti

party con assembramentoSanzione a tutti i presenti e chiusura del locale immediata dopo una festa Erasmus organizzata all’interno di un centro culturale per festeggiare un compleanno, senza rispetto per le norme anti Covid

Incuranti della gravità della pandemia di Coronavirus e delle restrizioni anti Covid imposte in tutte le regioni italiane al solo scopo di contenerla e circoscriverla il più possibile, decine di ragazzi hanno organizzato una festa Erasmus nel cuore di Napoli. Erano almeno in 42, stipati all’interno di un locale nei Quartieri Spagnoli, senza rispettare le regole del distanziamento sociale, senza mascherine e con altissimo rischio di contagio. Sul posto, dopo l’allerta della Centrale Operativa del 112 che ha ricevuto segnalazioni in merito al ‘party’ degli studenti, sono intervenuti gli agenti della stazione Quartieri Spagnoli. È successo nella serata di venerdì, intorno alle 23.30: i carabinieri sono entrati nel centro culturale di via Nuova Sanga Maria Ognibene, per mettere fine alla festa e sanzionare i presenti.

Carabinieri Calabria Castrovillari

LEGGI ANCHE =>> Scoperta maxi festa abusiva con 200 persone durante il lockdown: agenti aggrediti

Identificati e multati tutti i presenti

Un’irruzione organizzata unitamente ai colleghi del Reggimento Campania, già impegnati in servizi di controllo e monitoraggio dei quartieri. Al loro arrivo c’erano 42 giovani assembrati, che avevano organizzato la festa di nascosto per il 27esimo compleanno di uno dei presenti: i presenti hanno cercato di darsi alla fuga ma l’azione coordinata delle forze dell’ordine ha consentito di fermarli tutti. Così ognuno è stato identificato e multato per violazione delle normative anti-Covid. Identificato e sanzionato anche il locatario del centro culturale: l’uomo, un 47enne di origini dominicane, non solo dovrà pagare la multa ma il locale è stato chiuso per cinque giorni.