Zona gialla in quasi tutta Italia, gli Italiani “festeggiano” con assembramenti e risse

Ci risiamo. E’ bastato l’annuncio dell’allentamento delle restrizioni per assistere al ritorno degli assembramenti. Il bel tempo di questo fine settimana, con temperature miti in quasi tutto lo stivale, ha favorito l’assalto alle vie del centro nelle maggior parte delle città italiane. Emblematici i casi di Roma e Napoli.

Il capoluogo partenopeo ieri ha registrato traffico in tilt e strade dello shopping piene. Migliaia di persone hanno affollato via Toledo e Vomero. Nel pomeriggio, gruppi di giovani hanno invaso le zone della movida, per godersi un aperitivo anticipato prima della chiusura dei bar alle 18.00. Ancora peggiore la situazione a Roma. Nel sabato di assembramenti tra via del Corso e zone limitrofe, le Forze dell’ordine sono dovute intervenire per sedare una maxi-rissa in Piazza del Popolo. I protagonisti sono duecento giovanissimi senza mascherina.

Oltre agli assembramenti in strada, sempre a Roma sono state multate 57 persone riunite in un ristorante e 70 all’ippodromo delle Capannelle. La situazione è simile anche nel resto della penisola, A Bologna sono state trovate un centinaio di persone chiuse in una salumeria del centro e a Pescara 22 persone sono state sorprese a festeggiare in un appartamento. Appellarsi al buono senso sembra sempre di più fuori luogo.