Agenti arrestano bimba di 9 anni: testa schiacciata sulla neve e spray urticante in faccia

le urla della bimbaScioccante arresto a Rochester dove alcuni agenti hanno immobilizzato con violenza una bambina di soli 9 anni che aveva minacciato il suicidio. La condanna del sindaco

Sono immagini sconcertanti quelle che arrivano dagli Stati Uniti e che riguardano un arresto nei confronti di una bambina afroamericana di soli 9 anni. L’episodio si è verificato a Rochester dove alcuni agenti, intervenuti in seguito ad una lite familiare in un’abitazione, hanno prelevato con la forza la bambina utilizzando anche dello spray al peperoncino per immobilizzarla. Tutto è stato nitidamente ripreso dalle body cam che ogni agente è tenuto ad avere con sè. Il filmato è sconvolgente: si vede la bambina immobilizzata con violenza premendole la faccia sulla neve mentre lei grida “voglio il mio papà”, poi le viene spruzzato lo spray irritante negli occhi dal momento che si rifiutava di salire sul mezzo della polizia.

LEGGI ANCHE =>> Professore si suicida nella scuola in cui insegnava

Lovely Warren, sindaca della cittadina dell’upstate New York è intervenuta dichiarando: “In questo incidente è stato fatto del male ad una bambina, io ho ho una figlia di 10 anni, questo video non è una cosa che una madre vuole vedere. Il modo in cui il nostro dipartimento di polizia si è comportato con questa bambina mi preoccupa molto, da questo video è chiaro che dovviamo fare di più per sostenere i nostri bambini e le nostre famiglie“. L’arresto sarebbe avvenuto dopo che la bambina avrebbe minacciato la madre di volerla uccidere e poi di suicidarsi: avrebbero voluto portarla in ospedale ma quando lei si è rifiutata hanno tentato in tutti i modi di immobilizzarla mentre lei diceva, “sono una bambina”. “Stai seduta, questa è l’ultima possibilità o ti spruzzo negli occhi”, si sente dire da un’agente donna nel video, parole alle quali fanno seguito quelle di un altro poliziotto che aggiunge, “a questo punto spruzza lo spray urticante”. La bambina poco dopo piange per il bruciore negli occhi chiedendo agli agenti di pulirglieli. A quel punto la bambina è stata portata in ospedale tornando a casa dei genitori poche ore più tardi.

La reazione del capo e del vice capo della polizia

La bambina “aveva detto di volersi uccidere e voler uccidere la madre” ha dichiarato Andre Anderson, vice capo della polizia, per giustificare il comportamento dei suoi agenti. È stata dunque ammanettata “per la sicurezza del minore e dietro la richiesta del genitore affidatario“. “Non starò a sostenere che è ok usare lo spray urticante con una bambina di 9 anni, non lo è e non rappresenta quello che è il nostro dipartimento. Lavoreremo per assicurare che queste cose non succedano più”, ha poi concluso, con la sindaca Warren che ha detto che verrà avviata un’inchiesta interna“ ha dichiarato invece il capo della polizia Cynthia Herriott-Sullivan, esprimendo la sua contrarietà in merito all’episodio.