L’allarme dalla Gran Bretagna: “La variante inglese sta mutando ancora”

Nuova mutazione della ‘variante inglese’? Sarebbe questo l’allarme lanciato da alcuni esperti britannici.

Le notizie che arrivano dalla Gran Bretagna preoccupano. Infatti, alcuni scienziati hanno rilevato nuovi cambiamenti genetici del coronavirus Sars-CoV-2,  definiti “preoccupanti”.

La famosa ‘variante inglese’, dunque, venuta fuori per la prima volta a Sud dell’Inghilterra nei mesi scorsi, starebbe ancora mutando. Gli esperti, comunque, ribadiscono che i vaccini attualmente in uso dovrebbero andar bene anche contro queste varianti. Nel frattempo, il Regno Unito ha aumentato le misure di controllo contro la diffusione di nuove varianti.

La ‘variante inglese’ starebbe mutando ancora. La sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa: “La comparsa di nuove varianti del patogeno è la ragione per cui bisogna vaccinare e vaccinare ovunque nel mondo”

Sul rischio legato alle varianti del virus, compresa quella inglese, si è soffermata questa mattina la sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa, in un suo intervento avvenuto a ‘Radio Anch’io’ su Rai Radio 1: “Le varianti preoccupano e non devono diffondersi perché ci troveremmo a combattere con un altro problema gigantesco. La comparsa di nuove varianti del patogeno è la ragione per cui bisogna vaccinare e vaccinare ovunque nel mondo, non solo all’interno di un Paese”.

E ancora: “In questo momento sappiamo che alcune varianti virali emerse sono più pericolose dal punto di vista della diffusione, ma non della mortalità. Ma non è escluso che possa avvenire anche qualcosa di peggio”.