Governo Draghi, anche il No Euro Claudio Borghi apre con una metafora calcistica su Twitter

salvini e borghi no euro

La Lega pare aver definitivamente accettato la proposta di entrare a far parte del nascente Governo Draghi.

E quest’oggi Libero Quotidiano – che ben conosce le dinamiche del centrodestra – ha riportato:

Salvini ha accelerato prepotentemente, mettendo in grave difficoltà Pd e Movimento 5 Stelle che pure sperano ancora in qualche paletto da parte di Draghi. D’altro canto, come nota la Stampa, tenere nella maggioranza Salvini potrebbe significare sminare il campo dell’opposizione, affidata a quel punto alla sola Meloni. Un bel rebus. Nei contatti intercorsi con il Carroccio, sarebbe stato lo stesso premier incaricato a esortarli a fare il grande passo: “Siete il primo partito secondo i sondaggi”.

Ma anche i personaggi più “ultra” del Carroccio paiono essere pronti a sostenere un governo guidato dall’ex governatore della Banca d’Italia.

Parliamo di Claudio Borghi, deputato noto per le sue posizioni No Euro (nel 2014 per conto della Lega Nord e Matteo Salvini ha scritto un manuale intitolato ‘Basta Euro’), che ieri sera su Twitter s’è esposto a favore di Draghi con una metafora calcistica: