Orfana malata di tumore cerca la madre: “Le chiedo di salvarmi la vita”

appello per trovare la mammaUna donna di 47 anni abbandonata appena nata e oggi malata di tumore ha lanciato un appello alla madre biologica perchè consenta a farsi fare un prelievo di sangue

Non è intenzionata, a meno che lei non lo voglia, ad incontrare la madre che non ha mai conosciuto. Ma le ha rivolto un appello per un gesto che potrebbe salvarle la vita. La storia, raccontata sulla Provincia di Como, riguarda Daniela Molinari, una infermiera psichiatrica 47enne abbandonata nel 1973, poco dopo la sua nascita, all’orfanotrofio delle suore di Rebbio; qui venne registrata come Daniela Simoni ma due anni dopo venne adottata da una famiglia milanese e per questo il suo cognome cambiò. Oggi però l’infermiera ha deciso di provare a rintracciare la madre biologica, per chiederle un aiuto: un semplice prelievo di sangue ma grazie al quale potrebbe salvarsi.

Con l’aiuto della madre potrebbe iniziare una terapia sperimentale

“Non le chiedo di sapere chi è, né di conoscerla se lei non lo desidera. Chiedo solo che accetti di sottoporsi a un prelievo di sangue che potrebbe salvarmi la vita”, ha spiegato la donna. L’infermiera ha due figli, una ragazza di 23 anni e un bimbo di 9 ma da tre anni convive con un tumore e, per provare a liberarsene, le è stato proposto dai medici un percorso innovativo. Un’immunoterapia sperimentale nata in Svizzera e basata sulla mappatura genetica. Per poterlo fare però è necessario un campione di sangue di almeno uno dei due genitori biologici. Da qui l’idea di lanciare pubblicamente un appello rivolto alla madre affinchè, anche nel più totale anonimato, consenta di farsi prelevare un campione per poter aiutare la figlia a sconfiggere il cancro.

LEGGI ANCHE =>> Vincenzo, 11 anni, perde la battaglia contro un tumore raro: il Covid ha peggiorato le sue condizioni

“So benissimo che sono pochissime le possibilità di rintracciare mia madre ma non voglio lasciare nulla di intentato. Della mia nascita non so quasi nulla” ha raccontato al quotidiano. La donna che l’ha partorita non ha trascritto il nome sui documenti e chiese anche di cancellare i dati sanitari.