Scrive su Facebook, “ho voglia di uccidere tutti”: identificato e denunciato dalla polizia

denuncia carabinieriUn uomo di 52 anni è stato localizzato e identificato poco dopo aver postato su Facebook un messaggio farneticante. Denunciato per procurato allarme

Sono bastate poche parole pubblicate su Facebook e considerate potenzialmente pericolose a far scattare le indagini. Che hanno permesso di risalire all’identità di un uomo di 52 anni, denunciato per procurato allarme, che poche ore prima aveva postato su Facebook la frase “Ho voglia di uccidere tutti”. L’autore della frase incriminata è residente in Campania ma domiciliato sulla montagna pistoiese, ed è stato rintracciato grazie ad un lavoro di cooperazione tra polizia di Stato e arma di Carabinieri; incrociando vari dati raccolti, nel giro di una manciata di ore lo hanno identificato e localizzato presentandosi alla sua porta di casa. Quanto postato sui social ha infatti dato alle autorità l’impressione che il 52enne potesse essere potenzialmente pericoloso. Del resto l’uomo affermava senza troppi giri di parole di essersi svegliato con la voglia di uccidere tutti coloro che si sarebbero messi sulla sua strada; un post delirante nel quale si chiedeva anche se un vigile urbano dovesse essere considerato un essere umano.

Due fughe dai carabinieri

LEGGI ANCHE =>> Musica alta e schiamazzi: scoperta festa abusiva con 46 persone. Tutti multati

Rischia fino a sei mesi di carcere

Il Centro nazionale anticrimine informatico per la tutela delle infrastrutture critiche, che si occupa anche si costante monitoraggio dei siti web, ha dunque informato la questura di Pistoia del post pericoloso e sono scattate le indagini. Per prima cosa sono state ricavate informazioni dal profilo dell’uomo: l’abitazione è stata localizzata con precisione grazie ad una serie di dati raccolti. Ci si è dunque messi in contatto con l’uomo il quale ha confermato che si trattava solo di farneticazioni e che non aveva intenzione di fare del male a nessuno. Questo non gli ha comunque risparmiato una denuncia per procurato allarme, reato che in Italia prevede una condanna fino a sei mesi di carcere.