Si nasconde nei bagni del supermercato e stupra una donna: è caccia all’uomo

ripreso dalle telecamere dopo la violenzaUn uomo ha violentato una 55enne che si trovava al supermercato con il marito per fare la spesa. Ha aspettato che entrasse in bagno per stuprarla

La polizia di Filadelfia sta cercando un uomo accusato di aver violentato una donna all’interno del negozio di Center City Macy’s. L’incidente è avvenuto domenica intorno alle 11:30 al Macy’s su 1300 Walnut Street. Secondo una prima ricostruzione dei fatti la donna, 55 anni, stava facendo la spesa con il marito quando è andata al terzo piano del negozio per usare il bagno. È lì che è stata attaccata e aggredita sessualmente da un uomo non identificato che teneva in mano spiedini appuntiti per minacciarla (probabilmente rubati poco prima dal supermercato), secondo gli investigatori. Il sospetto è poi fuggito dalla scena del crimine poco dopo lo stupro.

Il sospetto ripreso dalle telecamere di sorveglianza

Secondo la ricostruzione dei fatti l’uomo, ripreso da alcune telecamere di sorveglianza, avrebbe aspettato all’interno del bagno almeno venti minuti prima dell’attacco sessuale dopo il quale ha lasciato il negozio a piedi ed è salito a bordo di un treno SEPTA Market Frankford Line a 13th and Market Street intorno alle 11:45. È stato visto per l’ultima volta alle 11:54 uscire da un’altra stazione poco distante.

LEGGI ANCHE =>> Segue una donna mentre va al supermercato, la stupra e la minaccia: condannato a 12 anni

La polizia ha ottenuto un video di sorveglianza del sospetto che è descritto come un uomo magro sulla ventina. È stato visto per l’ultima volta con indosso una mascherina chirurgica, una felpa con cappuccio nera, pantaloni neri con strisce bianche sulla gamba sinistra, scarpe da ginnastica nere con colore bianco intorno alla suola, giacca a tre quarti con cappuccio e una scritta bianca sulla spalla sinistra con forse quattro bottoni su ciascuna. manica. La polizia ha divulgato nelle immagini nella speranza che, come sottolineato dal capitano Burgmann, qualcuno possa riconoscerlo. È stato pertanto lanciato un appello: “Se si dispone di informazioni sul luogo in cui si trova o sull’identità dell’uomo, chiamate l’Unità per le vittime speciali della polizia di Philadelphia”.