La moglie chatta e lui si infuria: insulti, schiaffi e botte a lei e al figlio che la difende

insulti e botte alla moglieUn uomo ha attaccato violentemente la moglie solo perchè stava chattando al cellulare. Il figlio ha fatto da scudo per poi chiamare la polizia

Aggredita dal marito che voleva ‘darle una lezione’ solo perchè stava utilizzando il proprio smartphone per chattare sui social. Ha dell’assurdo ma è quanto accaduto a Partinico, comune della povincia di Palermo, in quello che è a tutti gli effetti l’ultimo caso di violenza domestica ai danni di una donna, picchiata dal coniuge 46enne per ragioni futili. L’uomo avrebbe cercato di sottrarle il telefono strappandoglielo via a forza, per scoprire con chi stava chattando: ma dopo aver guardato lo schermo si è accanito sulla moglie spingendola con forza e prendendola a schiaffi. Per questo motivo è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti dagli agenti della polizia locale.

LEGGI ANCHE =>> Coronavirus, l’allarme: rischio esplosione violenza in famiglia con nuovo lockdown

Lunga serie di liti ed episodi di violenza

La “colpa” della donna è stata quella di essersi ritagliata un momento di privacy per scrivere in chat: oltre alla violenza fisica, l’uomo è colpevole anche di una serie di pesanti insulti ed ingiurie ai danni della consorte, un’aggressione che ha portato il figlio della coppia ad intervenire allertando le forze dell’ordine, intervenute poco dopo per arrestare l’uomo. Ma prima di chiamare i soccorsi il giovane si è fisicamente frapposto tra il padre e la madre facendo con il suo corpo da scudo per evitare che la donna ricevesse dei colpi; ma ciò non ha fermato la furia dell’uomo che ha colpito sia la moglie che il figlio. Quando sono arrivati gli agenti l’uomo non aveva ancora finito di sfogare la sua immotivata gelosia contro la moglie, per tale ragione è stato arrestato in flagranza di reato. Non è la prima volta che succede: già in precedenza il figlio ha rivelato di aver assistito ad altre liti sfociate in alcuni casi anche in episodi di violenza; questa volta ha però deciso di mettervi fine contattando il numero di emergenza.