Si filma mentre abusa del fidanzato che sta morendo di overdose: condannata a 16 anni

16 anni di carcere

Una donna ha realizzato un video degli abusi sessuali nei confronti del compagno incosciente dopo essere andato in overdose ed in seguito deceduto. Nessuna attenuante in tribunale

Dovrà trascorrere 16 anni della sua vita in carcere per aver filmato i suoi abusi nei confronti del fidanzato mentre il ragazzo moriva per overdose di droga. Sono agghiaccianti i retroscena di una vicenda avvenuta in Virginia, Stati Uniti, e che riguarda la 32enne Megan Anne Walthall, condannata venerdì scorso dallo Staffort County Circuit Court, come riportato dal Roanoke Times. I pubblici ministeri hanno affermato che Walthall avrebbe chiamato i servizi di emergenza il 15 luglio 2019 per segnalare che il fidanzato Brandon Dye era incosciente e non rispondeva a sollecitazioni di alcun tipo. Dye è stato portato al Mary Washington Hospital dove è morto per overdose di eroina. Nel frattempo le autorità hanno recuperato droga e relativo armamentario, ma anche un video amatoriale. Il filmato, come emerso in seguito, è stato registrato dalla donna mentre il suo ragazzo stava lentamente morendo per overdose.

LEGGI ANCHE =>> Tragedia familiare: madre uccide a martellate la figlia di 3 anni dopo un’overdose di psicofarmaci

Ecco come l’avvocato ha provato a motivare il suo gesto

Nel video infatti si vede la 32enne abusare sessualmente di lui e ridere, aspettando almeno 45 minuti prima di chiamare il 911 per chiedere aiuto. Il suo avvocato ha sostenuto che Walthall, che all’epoca assumeva droghe come il fidanzato, avrebbe realizzato il video per mostrarlo più tardi a Dye al fine di convincerlo a smettere di usare le sostanze. “È stato fatto in modo stupido e sbagliato ma non c’era malizia”, ha sottolineato l’avvocato Price Koch. Ma il pm Sandra Park ha respinto tale argomentazione sottolineando che il ritardo nella richiesta di aiuto è imperdonabile. Walthall in preceenza si era dichiarata colpevole di aver abusato di un adulto inabile, di violenze sessuali e di due accuse di possesso di droghe illegali. La seconda accusa è la conseguenza di un altro incidente: il 12 dicembre 2019 avrebbe somministrato droghe ad un uomo, causando un’overdose.