Covid, fondatore di Biontech: “Restrizioni finiranno in autunno ma il virus non sparirà”

quando finirà la pandemiaBuone e cattive notizie da parte del fondatore della società che ha sviluppato il vaccino anti Covid Pfizer: Secondo Ugur Sahin le restrizioni verranno tolte entro il prossimo autunno ma dovremo continuare a convivere con il virus

Il Coronavirus non sparirà. A sostenerlo è uno dei protagonisti nella lotta al Covid, il fondatore di Biontech, società che ha sviluppato il vaccino Prizer che, anche in Italia, viene inoculato a migliaia di persone al giorno. Ma, con molta probabilità, in autunno le restrizioni necessariamente imposte dai governi di ogni parte del mondo al fine di contenere la diffusione dell’epidemia, finiranno. gur Sahin, cofondatore e amministratore delegato insieme alla moglie Özlem Türeci, dell’azienda per le biotecnologie tedesca BioNTech lo ha spiegato nel corso di un intervista al quotidiano tedesco Welt am Sonntag. “In molti Paesi in Europa e negli Stati Uniti, probabilmente alla fine dell’estate saremo in grado di non dover più andare in lockdown“, pur sottolineando che “ovviamente continueranno a esservi focolai locali della pandemia” ma che si tratterà di una sorta di “rumore di fondo”. Il fondatore di Biontech ritiene inoltre che il virus continuerà a mutare anche se ritiene altamente “improbabile” che le future varianti possano essere pericolose quanto le attuali. Dovremo insomma, a detta dell’Ad, continuare a convivere con la Covid-19 aggiungendo: “Dobbiamo vedere se sarà necessaria una vaccinazione ogni anno o ogni cinque anni”.

LEGGI ANCHE =>> Il Covid si porta via un’altra guardia giurata: morto il Maresciallo Salvatore Cuomo

Il vaccino Pfizer era disponibile già a febbraio

“Ognuno deve decidere per sé – ha spiegato in merito alla vaccinazione – ma noi dobbiamo garantire trasparenza, perché ciascuno lo possa fare”. Tuttavia, “il virus non sparirà”. Parlando di come il vaccino è nato, infine, l’Ad ha spiegato che era “disponibile già nel febbraio dell’anno scorso. Ma non era chiaro se funzionava. Servono dati e risultati clinici da studi molto ampi”.