Maxi assembramento in piazza senza rispetto delle misure anti Covid: oltre 6000 persone festeggiano il Carnevale

L’episodio è avvenuto a Marsiglia. Sono intervenute le forze dell’ordine per far defluire la massa e liberare la strada.

A Marsiglia, nel Sud della Francia, ci sono state scene assurde in un momento come questo. Più di 6000 persone hanno deciso di riunirsi in piazza, per festeggiare il Carnevale della Pianura. Un maxi assembramento, ovviamente, non autorizzato. Tutti i divieti per arginare la diffusione del contagio da Covid non sono stati rispettati.

Queste le sconcertanti dichiarazioni di Roman, un ragazzo che ha preso parte alla festa, a ‘Le Monde’: “I giovani sono stanchi di essere confinati. Non ci sono anziani fragili, solo giovani”.

Tutti i ragazzi erano senza mascherina e hanno festeggiato con fumogeni colorati, balli, fuochi, abbracci, salti e abiti per l’occasione.

Maxi assembramento non autorizzato a Marsiglia per il festeggiamento del Carnevale della Pianura. La prefettura: “È un evento non dichiarato e irresponsabile”

Questa la dichiarazione della prefettura di Marsiglia: “È un evento non dichiarato e irresponsabile”. Alle 18.30 la polizia è intervenuta per disperdere la folla. Il corteo è partito nella piazza storica di Place Jean-Jaurès. Scontenti della cronicità della pandemia e delle restrizioni, i residenti hanno deciso di celebrare il Carnevale. Esso non era stato festeggiato nel 2020 sempre a causa del lockdown.

L’episodio di Marsiglia non è un caso raro nel mondo. Proprio ieri si sono avute notizie di notevoli assembramenti a Miami Beach, per via delle vacanze di primavera degli studenti universitari. Il sindaco di Miami Beach, Dan Gelber, ha dichiarato lo stato di emergenza, imponendo il coprifuoco dalle 20 alle 6. Tali misure dovranno servire al contenimento degli assembramenti.