Sgarbi all’attacco: “Il coprifuoco è un delitto, io vado dove ca*** voglio. Non si può limitare la libertà”

Sgarbi tuona contro le restrizioni imposte per il contenimento del contagio: “Bisogna proteggere gli anziani, è ridicolo portare la mascherina all’aperto da soli…”.

Vittorio Sgarbi nelle ultime ore ha fatto sapere di aver contratto il Covid in passato e di avere ora un cancro ai testicoli. Nella serata di domenica 21 marzo, ospite della trasmissione televisiva ‘Stasera Italia Weekend’, ha attaccato il lockdown, il coprifuoco e l’utilizzo delle mascherine all’aperto.

Sgarbi ha inveito contro il sindaco di Pesaro del Pd, Matteo Ricci: “Bisogna proteggere gli anziani, è ridicolo portare la mascherina all’aperto da soli… E lo dicono i medici del Sant’Orsola di Bologna. Si tratta di una campagna grottesca e intollerabile, è folle. Il coprifuoco è un delitto, io vado dove ca*** voglio. Non si può limitare la libertà, caro Ricci. Abbiamo messo nella testa della gente una paura senza logica”.

Sgarbi all’attacco: “Basta retorica sui medici. Il medico deve stare in ospedale, cura i malati che ci sono. Se poi trascura i malati di cancro è già un medico che mi sta sul ca***”

Le sue posizioni dure sono emerse anche nel corso del programma ‘La Zanzara’ su Radio 24, dove ha raccontato di aver contratto il Covid e di avere un cancro ai testicoli: “Basta retorica sui medici. Il medico deve stare in ospedale, cura i malati che ci sono. Se poi trascura i malati di cancro è già un medico che mi sta sul ca***. Non c’è solo il Covid al mondo. Io ho avuto il Covid e ne sono uscito, e ho un cancro alle p**e e non ne sono ancora uscito”.

E ancora: “Ho gli anticorpi, e che probabilmente ho avuto il Coronavirus a dicembre. Dunque ho gli anticorpi, non devo fare il vaccino per sei mesi e sono perfettamente a posto. Sono stato asintomatico senza saperlo”.