17enne tenta il suicidio dopo essere stata violentata per mesi dallo zio

17enne violentata dallo zioHa abusato sessualmente della 17enne per mesi raggiungendola a casa o portandola fuori, finchè lei ha tentato il suicidio. L’orrore in India

Raccapricciante quanto accaduto nel territorio di Ludhiana in India, dove una ragazza di soli 17 anni ha tentato di togliersi la vita dopo essere stata violentata dallo zio 43enne. L’imputato è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale e anche per aver realizzato fotografie oscene della vittima. Secondo la denuncia presentata dai genitori della ragazza, l’imputato è residente nel villaggio di Chomo ad Adampur: la vittima è una studentessa talmente sotto shock dopo lo stupro da aver tentato il suicidio, oltre ad aver perso uno dei suoi esami finali a scuola. La ragazza vive con i nonni materni a Jalandhar e l’accusato era un inquilino della medesima abitazione: la ragazza era solita chiamarlo zio poichè l’uomo è il fratello adottivo della madre.

LEGGI ANCHE =>> Assistente di volo violentata e trovata morta dopo Capodanno: 11 uomini accusati di stupro

Come riferito dalla 17enne alla polizia, quando le scuole sono state chiuse a causa della pandemia di Coronavirus, i suoi genitori l’avevano riportata a Ludhiana. Pochi mesi dopo il 43nne è andato a trovarli ma i genitori della 17enne non erano a casa. L’uomo avrebbe mescolato alcuni sedativi nella sua bevanda fredda stuprandola dopo che lei ha perso conoscenza.

Lo stupratore le ha anche scattato foto intime

Ripresi i sensi, si è resa conto di essere stata violentata. Quando ha affrontato l’accusato, lui l’ha violentata di nuovo e le ha anche fatto foto oscene. L’accusato l’ha poi minacciata di conseguenze disastrose se avesse condiviso qualcosa con i suoi genitori. Altri episodi si sono verificati nelle settimane seguenti, quando è stata abusata dietro minaccia di armi in casa di lei oppure con la scusa di accompagnarla al mercato. L’ultimo stupro di una lunga serie iniziata ad agosto 2020 è avvenuto nel mese di febbraio. Il 16 marzo aveva un esame ed era tornata a Ludhiana ma avendo visto l’uomo ancora intorno casa non lo ha sostenuto e, poche ore dopo, ha tentato il suicidio assumendo una sostanza velenosa. Lo stupratore è stato arrestato ed è accusato di molteplici reati; le indagini sono ancora in corso.