Sondaggi politici, risalgono PD e (soprattutto) il M5S: effetto Letta-Conte, ma la Lega è ancora avanti

letta conte sondaggiSeppure con un pò di ritardo, ma si cominciano ad avvertire gli effetti di Enrico Letta e Giuseppe Conte per PD e Movimento 5 Stelle. 

Con la nomina dell’ex premier a segretario, il Partito Democratico ha recuperato uno 0,4% rispetto al sondaggio di due settimane fa, ritornando così al 18%. Si tratta di una boccata di ossigeno per i “Dem”, che nelle ultime settimane avevano dovuto fare i conti con una brusca discesa, determinata soprattutto dallo scossone interno, successivo alle dimissioni di Nicola Zingaretti.

Si ricuce un pochino la distanza con la Lega, che perde uno 0,3% rispetto a 14 giorni fa e si ferma al 23%. Nonostante questo lieve arretramento, il Carroccio resta comunque il partito politico preferito dagli italiani.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, crolla il PD: la Meloni è sempre più vicina. Forte risalita del Movimento 5 Stelle

L’altro grande cambiamento è quello tra Fratelli d’Italia e Movimento 5 Stelle. Dopo mesi di rincorsa, sorpasso e distanziamento, il partito guidato da Giorgia Meloni viene clamorosamente “riagganciato” dai pentastellati, che hanno recuperato moltissimo terreno in quest’ultimo mese.

Centrodestra sempre avanti con il 47,7% dei voti

Probabilmente il M5S ha potuto giovarsi dell’enorme consenso che riscuote Giuseppe Conte nel Paese. L’ex presidente del Consiglio è ormai pronto a prendere in mano le redini del Movimento, e l’effetto si comincia a vedere anche nell’elettorato. Il M5S e FdI risultano quindi appaiati al 16,9%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, grande risalita del M5S. Lega sempre prima, precipita il PD

Perde qualcosa Forza Italia, che passa dall’8,2% di 14 giorni fa al 7,8% attuale. Cala Azione di Carlo Calenda (3,3%) e vede avvicinarsi Italia Viva di Matteo Renzi, che ritorna al 3,1% dopo settimane di arretramento.

In caso di ritorno al voto, il centrodestra unito conquisterebbe il 47,7% delle preferenze, mentre l’eventuale alleanza progressista (PD, M5S, Articolo 1, Sinistra Italiana , +Europa, Verdi, Azione) raggiungerebbe il 45,5% dei voti.