Uccisa dal covid a soli 11 anni, dramma nel modenese: la piccola era già affetta da gravi patologie

terapia intensiva covid

E’ tra le pazienti più giovani ad essere state sconfitte dal Covid in Italia: parliamo di Yousra, una bambina di appena 11 anni residente con la famiglia a Finale Emilia (paese da poco più di 15.000 anime nel modenese) uccisa dal maledetto coronavirus dopo una decina di giorni di ricovero.

La piccola era già affetta da patologie importanti e per questo è stata piegata dal covid, come riportato da la Gazzetta di Modena che ha scritto come la piccola frequentasse la prima media e fosse descritta come una bambina “educata e gentile”.

Drammatiche le parole del padre – anche lui colpito dal coronavirus come il resto della famiglia (che però è riuscita fortunatamente a superare la malattia) – riportate dal quotidiano locale: “Siamo una famiglia distrutta, è molto difficile da accettare. Speriamo che questo male possa fermarsi. È brutto quando perdi una persona che ami”.

Come riportato dalla Ausl di Modena, il Covid si è innestato nella 11enne su un quadro compromesso da tempo per una patologia grave.

La bambina si trovava ricoverata al Policlinico Sant’Orsola di Bologna, in terapia intensiva: nonostante la terapia intensiva, il suo quadro clinico non è mai migliorato e le sue patologie già gravi di per sé, sono risultate fatali assieme al coronavirus.