Violenta e picchia la ex sotto effetto di droga: l’orco le ha rotto la mascella

picchia la ex

Un 52enne ha, sotto l’effetto di cocaina, picchiato e violentato più volte la ex fidanzata arrivando a romperle la mascella. I carabinieri di Cattolica lo hanno arrestato

Ha compiuto ripetuti abusi sessuali nei confronti della sua ex fidanzata, il tutto minacciandola con un coltello alla gola e in più casi picchiandola con violenza, arrivando addirittura a romperle la mascella. Per tali ragioni l’aggressore e stupratore, un 52enne siciliano, pescatore di professione, è stato arrestato dai carabinieri di Cattolica a Rimini nella giornata del 30 marzo. I militari hanno agito in esecuzione di un’ordinanza cautelare in carcere, richiesta dal sostituto procuratore di Rimini, Davide Ercolani. Secondo quanto emerso l’uomo, ora accusato di violenza sessuale e lesioni personali, avrebbe agito sotto l’effetto di cocaina. Il gip Benedetta Vitolo ha accolto la richiesta della Procura e ha disposto arresto e ritiene che la detenzione sia “l’unica misura idonea ad una effettiva tutela della persona offesa”. I casi di violenza riscontrati sarebbero stati diversi e dunque non isolati, rendendo le accuse nei confronti dell’uomo ancora più gravi.

Carabinieri Calabria Castrovillari

LEGGI ANCHE =>> Aggredisce e getta a terra un 95enne uccidendolo: 14enne rischia il processo per omicidio

Il drammatico racconto della donna

L’episodio più terribile, stando alle ricostruzioni dei carabinieri, è avvenuto all’inizio del mese di marzo: la donna è scappata nel bagno della camera del residence nel quale era stata rinchiusa dall’uomo. Lui stava cercando di raggiungerla, probabilmente per picchiarla e violentarla di nuovo ma l’intervento del portiere ha evitato il peggio. La vicenda è finita sul tavolo delle autorità con una denuncia ed il racconto della donna che, ai carabinieri, ha spiegato di aver subito ripetutamente violenza oltre ad essere in più casi stata costretta ad assumere droga. Sono state avviate le indagini che hanno permesso di ottenere rapidamente prove e riscontri concreti e, per questo, di arrestare il 52enne.