vice sceriffo prende a pugni un adolescente e lo atterra: il video indigna tutti

agente violento

Un agente della polizia ha arrestato con violenza e insulti un adolescente perchè, a suo dire, stava opponendo resistenza all’arresto. Avviata una indagine interna

Sono immagini assolutamente sconvolgenti quelle che arrivano dalla contea di Harris in Texas e che riguarda la violenta modalità di arresto del vice sceriffo ai danni di un adolescente. Arresto che è stato interamente ripreso da un amico del ragazzo fatto piombare a terra con un pugno prima di essere violentemente ammanettato. Carlos, studente del secondo anno del liceo stava guidando il suo ATV insieme a due amici nel loro quartiere: il giovane aveva una videocamera GoPro montata sul retro del suo mezzo che ha catturato il tutto. Quando i giovani si sono avvicinati alla stazione di servizio per fare rifornimento hanno visto il vice dello sceriffo arrivare con una bevanda in mano dopo essere uscito dal vicino negozio. Ha appoggiato il suo drink sull’ATV di Carlos chiedendo di vedere la sua patente.

Il racconto dell’adolescente picchiato e atterrato dall’agente

“Ha guardato la mia carta d’identità per due secondi, poi ha detto di mettere le mani dietro la schiena”, ha raccontato il ragazzo ad ABC13. “È stato allora che sono andato un po’ nel panico e mi sono allontanato da lui e mi ha afferrato, imprecando contro di me e minacciando di picchiarmi, poi lo ha fatto tirandomi un pugno”. Nel filmato lo si vede distintamente prendere a pugni l’adolescente per poi metterlo faccia a terra, ammanettarlo e portarlo al veicolo di pattuglia. Gli altri due adolescenti, increduli e scioccati, non hanno potuto fare nulla. Carlos ha detto di essere stato portato altrove per alcune ore, le autorità hanno preso le sue impronte digitali prima di rilasciarlo.

LEGGI ANCHE =>> Covid: scoperto dalla polizia un matrimonio con 400 ospiti in una scuola ebraica

Il dipartimento dello sceriffo della contea di Harris, interpellato da ABC13, ha detto che l’adolescente è stato accusato di aver tentato di eludere l’arresto. Carlo ha detto di essere consapevole del fatto che il suo fuoristrada non sia autorizzato a guidare su strada ma ha aggiunto di non aver mai avuto guai con la giustizia e che in quel momento stava semplicemente facendo benzina, ed è finito per essere preso a pugni. “Non credo che dovrei essere trattato in quel modo per aver guidato su strada.

Avviata un’indagine interna

Nel frattempo, la madre dell’adolescente ha detto a ABC13 di essere sconvolta per l’incidente e di non sapere perché qualcuno avrebbe trattato suo figlio in quel modo. Il dipartimento dello sceriffo della contea di Harris ha dichiarato di aver avviato un’indagine interna. Il vice, che non è stato identificato, è attualmente in servizio alla scrivania.