In Brasile situazione da incubo: tombe svuotate per far posto alle vittime Covid

troppe vittime covid in brasileCon oltre 90mila contagi e 3500 decessi al giorno in diversi stati del Brasile la situazione è drammatica. E a Sao Paulo si iniziano a svuotare urgentemente le tombe per far posto ai deceduti di Sars-CoV-2

In Brasile la pandemia di Covid ha reso la situazione davvero drammatica. Il lungo periodo di minimizzazione dell’emergenza da parte del presidente Bolsonaro ha portato il Paese nel caos per quanto riguarda la gestione del crescente numero dei decessi. Al punto che, negli ultimi giorni nello stato di Sao Paulo, sono state svuotate vecchie tombe per fare posto alle nuove vittime di Sars-CoV-2. Del resto in questo stato si è registrato un numero di decessi record e nell’ìintero paese si contano oltre 92mila nuovi contagi e 3700 vittime nell’arco di sole 24 ore. Portando il numero complessivo dei deceduti a quasi 330mila dall’inizio dell’epidemia e diversi stati brasiliani in condizioni critiche, come segnalato dall’Oms, e prossimi a ritrovarsi nelle medesime condizioni di Sao Paulo. Il segretario municipale dei servizi funebri ha precisato che il trasferimento dei resti è, nell’ambito delle operazioni cimiteriali, un procedimento standard ma nell’ottica dell’urgenza di liberare le tombe per far posto ai corpi delle vittime di Covid assume ben altra connotazione. Ad oggi il Brasile è il secondo Paese al mondo per numero di morti, secondo solo agli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE =>> Covid, ancora vittime tra i carabinieri: morto il maresciallo di stanza a Macerata Campania

L’appello del presidente del Senato brasiliano

“La situazione che stiamo affrontando è particolarmente drammatica. Dati confermati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità attestano che il Brasile è diventato l’epicentro mondiale della pandemia con oltre 12 milioni di casi confermati e oltre 300mila morti e una accelerazione preoccupante della curva del contagio“, ha dichiarato Rodrigo Pacheco, presidente del Senato del Brasile, lanciando alle Nazioni Unite un appello affinchè l’arrivo dei vaccini previsti dal programma Covax venga anticipato.