Le mascherine appannano gli occhiali: l’idea dagli Usa per risolvere il problema

problema da risolvereUn premio in denaro fino a mezzo milione di dollari perchè realizzerà prototipi di mascherine in grado di risolvere i problemi più comuni come appannamento degli occhiali o irritazione della pelle. Come partecipare al particolare concorso

Chi indossa gli occhiali da vista ma anche chi è solito portare gli occhiali da sole lo sa bene. Indossare una mascherina con indosso anche gli occhiali può essere davvero problematico. La CO2 espulsa respirando infatti, anzichè disperdersi nell’aria risale verso l’alto passando dalle microfessure nel punto di contatto tra naso e mascherine e finendo così per appannare parzialmente o completamente le lenti degli occhiali. Un problema che, considerato il fatto che con molta probabilità dovremo indossarle ancora a lungo, necessiterebbe di una soluzione rendendo le mascherine più efficaci e confortevoli. A provare a trovare un rimedio ci ha pensato l’amministrazione Biden, lanciando un concorso con 500mila dollari di ‘premio’ a chi fornirà idee che consentano di eliminare il problema degli occhi appannati ma anche dell’irritazione della pelle. Per partecipare al concorso di idee “Mask Innovation Challenge” lanciata dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti c’è tempo fino al 21 aprile.

LEGGI ANCHE =>> Mamma single ubriaca si rifiuta di indossare la mascherina in aereo: cacciata e multata

L’iniziativa, ospitata dalla Biomedical Advanced Research and Development Authority, è considerata una vera e propria “sfida per le mascherine”, come sottolineato dall’assistente segretario Nikki Bratcher-Bowman, con la quale “vogliamo coinvolgere le persone in tutto il paese nello sviluppo di nuove maschere che siano sia efficaci che confortevoli. Questo ci aiuterà a controllare il Coivd-19 e ad essere meglio preparati per le future emergenze di salute pubblica”.

biden

Come funziona il concorso ideato negli Stati Uniti

I partecipanti dovranno realizzare dei prototipi in grado di ridurre o aliminare quei problemi che creano disagio fisico nell’utilizzare le mascherine, in particolare “in ambienti caldi e umidi” o nel caso di appannamento degli occhiali durante l’utilizzo ma anche la difficoltà, per molte persone, di trovare mascherine che ben si adattino ai tratti del loro viso. Verranno selezionate le migliori 40 idee che saranno attentamente analizzate a una giuria di esperti. Le dieci proposte giudicate migliori verranno premiate ricevendo fino a 10mila dollari. Si passerà poi ad una fase di “proof-of-concept” ed il vincitore potrebbe aggiudicarsi un premio fino a 400mila dollari dopo che la mascherina verrà testata in laboratorio.