Sondaggi politici, Lega scende sotto il 23%. Risale il PD, bene M5S e Fratelli d’Italia

salvini lega pd m5s meloni sondaggiLa Supermedia elaborata da YouTrend per AGI rivela che per la prima volta negli ultimi tre anni la Lega scende sotto la soglia del 23%. 

Stando all’ultima rilevazione, infatti, il Carroccio viene dato al 22,9%, in calo dello 0,4% rispetto al sondaggio di 14 giorni fa. Sembra davvero lontanissima l’estate 2019, quando la Lega veleggiava intorno al 35% dei consensi, tanto da spingere Salvini a mettere fine all’esperienza del governo gialloverde (assieme al Movimento 5 Stelle) per provare ad andare alle urne (non riuscendovi).

La nomina di Enrico Letta a segretario del PD sembra aver ridato linfa ai Democratici, che recuperano uno 0,8% rispetto alla scorsa rilevazione. Se si votasse oggi, il Partito Democratico conquisterebbe il 18,7% dei consensi, tenendo così a distanza Fratelli d’Italia.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, grande risalita del M5S. Lega sempre prima, precipita il PD

Il partito guidato da Giorgia Meloni guadagna ancora uno 0,2% e conferma quella crescita a cui stiamo assistendo ormai da molti mesi. Gli eredi di Alleanza Nazionale sono al 17,1% secondo la Supermedia di YouTrend, mentre il Movimento 5 Stelle è subito dietro con il 16,9% (+ 0,3% rispetto a 14 giorni fa).

Il centrodestra unito raggiungerebbe il 47,5% dei consensi

Sembra in fase calante Forza Italia, che pure veniva da un buon periodo. Il partito di Silvio Berlusconi perde uno 0,6% e scende al 7,5%. Poche variazioni tra i partiti minori, con Azione di Carlo Calenda che si ferma al 3,3% e mantiene un leggero vantaggio su Italia Viva (3,1%). Sinistra Italiana è data al 2,2%, mentre Art.1 – MDP si fermerebbe all’1,9%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, risalgono PD e (soprattutto) il M5S: effetto Letta-Conte, ma la Lega è ancora avanti

In caso di ritorno al voto (attualmente molto poco probabile), il centrodestra unito (Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia) raggiungerebbe il 47,5%, mentre la cosiddetta “alleanza progressista” (PD, M5S, Sinistra Italiana e Articolo 1) si fermerebbe al 39,7%, anche se la percentuale potrebbe crescere in caso di “approdo” nella coalizione di forze come Azione, Italia Viva, +Europa e Verdi.