Guarin arrestato per violenza domestica: “Chiedo rispetto per i miei cari”

A tre giorni dall’arresto, torna a parlare Fredy Guarin. Il centrocampista colombiano, ex calciatore interista e attualmente in forza al Millonarios Fútbol Club di Bogotà, era stato arrestato a Medellin. Guarin si era reso protagonista di una brutta storia, ripresa un in video diventato virale in rete. Nelle immagini si vedeva il calciatore visibilmente alterato dall’alcol, sporco di sangue dopo aver aggredito il padre, mentre si opponeva all’arresto da parte della polizia locale.

Il ‘Guaro’, come era conosciuto negli anni nerazzurri, è adesso accusato di violenza domestica, aggravata secondo i media colombiani dall’uso di droga e alcol. Nelle ultime ore il centrocampista ha rilasciato un comunicato in cui, dopo aver ringraziato quelli che gli sono stati vicino, ha tenuto a spiegare il suo punto di vista.

“Voglio manifestare tutta la mia gratitudine alla mia famiglia, ai miei amici, ai tifosi, ai compagni di squadra e alla dirigenza del club per la solidarietà e il supporto incondizionato sulla mia attuale situazione personale e familiare. Le varie versioni che leggo sui social non sono vere. Chiedo rispetto per i miei familiari e soprattutto per i miei figli, loro non devono subire le conseguenze della mia esposizione pubblica e delle mie azioni. Oggi sto affrontando una di quelle partite dure, ma sono sicuro che con l’aiuto di Dio e di chi crede in me riuscirò a vincerla. Apprezzo molto tutti i messaggi d’incoraggiamento che mi danno la speranza per migliorare ogni giorno di più.”