Imprenditore, medico, ingegnere, divulgatrice: è il primo equipaggio di turisti spaziali

persone comuni nello spazio

A settembre orbiteranno per tre giorni intorno alla Terra a bordo della navetta Crew Dragon: è al completo il primo equipaggio ufficiali di turisti pronti per andare nello spazio

Il futuro è più vicino che mai. I primi turisti ‘terrestri’ si preparano infatti ad un viaggio che certamente ricorderanno per il resto della loro vita: si tratta del primo equipaggio di turisti spaziali, formato da quattro persone che, nel mese di settembre, verranno mandati a bordo della navetta Crew Dragon di SpaceX, fuori dall’atmosfera terrestre per orbitare, per tre giorni, intorno alla Terra. Il particolare team è formato da un imprenditore miliardario di 38 anni, da un ingegnere aerospaziale 41enne, da una dottoressa 29enne guarita dal cancro e da una divulgatrice scientifica di 51 anni. Per la verità tra il 2001 ed il 2009 altri sette civili non astronauti professionisti sono stati mandati, con otto diversi voli della Soyuz, in orbita; primo fra questi l’imprenditore statunitense Dennis Tito che, al modico costo di 20 milioni di dollari, ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale.

LEGGI ANCHE =>> Cosa ne sarebbe del corpo degli astronauti deceduti nello spazio?

Quando è prevista la partenza del viaggio spaziale di soli turisti

Il lancio di Inspiration4, così è stata chiamata la missione ideata dal giovane miliardario Jared Isaacman, fondatore e amministratore delegato della compagnia Shift4Payments, è programmato non prima del 15 settembre. Verrà utilizzato il razzo Falcon 9 e la partenza è prevista dalla storica piattaforma 39A del Kennedy Space Center, in Florida. Per l’occasione la navetta Crew Dragon verrà dotata di una speciale cupola panoramica per consentire ai turisti di ammirare la Terra da una prospettiva unica nel suo genere. Particolarità di questo viaggio è il fatto che l’imprenditore ha noleggiato l’intero volo non soltanto per sè ma anche per altri tre passeggeri che ha scelto per rappresentare “il meglio dell’umanità”. Un’iniziativa benefica a favore del St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis.