Raccoglie una pianta velenosa scambiandola per aglio orsino e fa il pesto: è morto in pochi giorni

pianta velenosa

Un ex bidello di 62 anni ha raccolto inavvertitamente una pianta estremamente velenosa e ha preparato un piatto di pasta. L’esperto: bastano pochi grammi per uccidere

Un errore nella scelta di un ingrediente gli è costato la vita. È tragicamente scomparso a 62 anni un uomo di Travesio, piccolo comune della provincia di Bordenone, ex bidello che ha utilizzato il cosidetto “zafferano bastardo” per preparare un piatto di pasta. Il 62enne lo ha raccolto in montagna scambiandolo per aglio orsino, ma in realtà si tratta di un fiore, chiamato colchico d’autonno, estremamente velenoso e potenzialmente mortale. Conosciuto anche con i nomi di ‘falso zafferano’ o ‘arsenico vegetale’ e, come spiegato dagli esperti, ne bastano anche solo pochi grammi per provocare la morte di una persona. Subito dopo averlo ingerito infatti Valerio Pinzana, questo il nome della vittima, ha iniziato ad avvertire dolori tremendi e le sue condizioni si sono ben presto aggravate. I soccorsi sono intervenuti immediatamente ma, in ospedale, ogni tentativo dei medici di salvarlo è risultato vano poichè il suo corpo era ormai stato avvelenato dalla pianta.

LEGGI ANCHE =>> Gerardo Tarantino trovato morto in carcere: il presunto assassino di Tiziana Gentile si sarebbe suicidato

Ha chiamato in ritardo i soccorsi perchè pensava a sintomi post Covid

Come emerso in seguito l’uomo non ha allertato subito i soccorsi: essendo reduce del Covid ha inizialmente pensato che potesse trattarsi di un effetto collaterale dell’infezione. Al suo arrivo in ospedale i medici, complice il ritardo, non hanno dunque potuto spostarlo nel centro anti veleni. Molto conosciuto per essere stato bidello nelle scuole locali, Valerio ha utilizzato il colchico per preparare il pesto con il quale ha condito la pastasciutta, non sapendo di avere tra le mani una pianta mortale. Il decesso è avvenuto nell’ospedale di Pordenone, nella giornata di Pasquetta, dopo un ricovero di alcuni giorni. Lascia un figlio e la compagna.