Orsi affettuosi si avvicinano all’uomo: ma è colpa di una terribile malattia che gli toglie la paura

orso senza paura

Orsi talmente poco spaventati da allontanarsi dal branco e avvicinarsi all’uomo cercando le coccole. Alla base dell’insolito comportamento, secondo gli esperti, vi sarebbe però una grave malattia

Solitamente gli orsi tendono a non avvicinarsi all’uomo, stando alla larga dalle persone e attaccando solo e soltanto qualora vengano infastiditi o si sentano minacciati. Non accade dunque molto spesso di vedere un orso particolarmente affettuoso con una persona, ed anzi si tratta di rare eccezioni che, come scoperto dagli esperti, potrebbero essere accomunate da una particolare patologia. La scoperta è stata fatta dopo che un certo numero di esemplari della California hanno mostrato un comportamento inconsueto, non mostrando alcuna paura per l’uomo ed anzi avvicinandosi alle persone per essere coccolati e accarezzati. Bisogna tornare indietro nel tempo al 2019 per ricostruire la serie di segnalazioni, quando un cucciolo di orso si avvicinò, come niente fosse, ad uno snowboarder. Nell’arco dei mesi successivi sono stati segnalati altri tre cani simili con un comportamento più simile a quello di un cane piuttosto che di un orso. I funzionari della fauna selvatica hanno dunque catturato alcuni esemplari per analizzare le ragioni di tale comportamento scoprendo che tutti soffrivano di una malattia in molti casi letale che portava, tra le altre cose, ad un abbassamento dei loro livelli di paura.

Le cause della malattia restano un mistero

La conseguenza? Gli orsi malati tendevano ad allontanarsi dal branco e addirittura uscira dal bosco raggiungendo zone popolate dall’uomo. Purtroppo nuovi casi sono stati registrati anche negli ultimi mesi, ultimo quello di un cucciolo di orso nero entrato in un cantiere di Pollock Pines senza alcuna paura dei lavoratori che si trovavano a pochi metri da lui. Poco dopo aver lasciato il cantiere l’animale ha raggiunto il giardino di una casa, ha cercato di salire su un’auto ed infine si è avvicinato ad una persona. Comportamenti che, come riscontrato da esperti del California of Fish and Wildlife, sembravano essere più comuni nel bacino del Tahoe.

LEGGI ANCHE =>> Orso arriva in città e insegue un uomo ma viene centrato da un bus

Studiando uno di questi orsi è emerso che il suo peso era pari a un quarto rispetto a quello che avrebbe dovuto avere alla sua età e sono state riscontrate alcune anomalie neurologiche: “Fisicamente e mentalmente – hanno spiegato gli esperti – l’orso non sembrava proprio a posto: camminava in modo strano e non reattivo come dovrebbe essere un orso normale”. Aveva strani tremori e altri movimenti preoccupanti provocati, come scoperto dagli esami, da encefalite che li ha obbligati a sopprimerlo. Non sono ad oggi chiare le cause di questa malattia negli orsi anche se non è sempre letale: l’orsetto del 2019 ad esempio ha mostrato sintomi meno gravi ed è pertanto stato inserito in un programma di recupero in un centro specializzato e oggi vive al Remona Campus della San Diego Humane Society.