Cerca di recuperare il drone e precipita nel burrone: morto l’operatore tv Michele Porcelli

decesso operatore tv

I colleghi di Michele Porcelli, operatore tv e regista, sono sconvolti per la sua morte avvenuta per una tragica fatlità. È precipitato nel vuoto mentre tentava di recuperare il suo drone

Ha cercato di recuperare il suo drone ma è precipitato in un burrone perdendo la vita. I colleghi sono sconvolti per la tragica morte di Michele Porcelli, noto regista e operatore tv dell’emittente LaC Tv, deceduto nella mattinata di giovedì 8 aprile mentre stava effettuando una serie di riprese per un nuovo programma di cronaca nera. La tragedia è avvenuta a Buonvicino, in provincia di Cosenza, luogo nel quale nel 1996 moglie, cognata, suocere ed una bimba di tre anni sono state uccise da un carabiniere in un folle gesto dettato dalla gelosia. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, Michele aveva acquistato un iPhone 12 e portato con sè alcune telecamere fisse, ma anche un drone per poter effettuare una serie di riprese aeree della zona. Intorno a mezzogiorno Porcelli non ha però più sentito il segnale del drone nelle cuffie e per questo ha chiesto ai colleghi del team di interrompere momentaneamente la loro attività per cercarlo. Secondo quanto riportato si sarebbe allontanato da loro per ritrovare il drone ma sarebbe probabilmente scivolato precipanto in una scarpata.

LEGGI ANCHE =>> Telefona alla fidanzata annunciado il suicidio, poi si getta dagli scogli: morto 34enne

Il drammatico racconto di un collega

La prima a lanciare l’allarme sarebbe stata una signora che vive nelle vicinanze e che l’avrebbe visto cadere iniziando poi ad urlare per chiedere aiuto. Pietro Comito, uno dei due colleghi pesenti sul posto, ha raccontato: “Mi sono diretto sul posto che dista qualche centinaia di metri dalla piazza cercando di capire se potevo scorgere Michele. Ho tentato anche di calarmi per cercare di raggiungerlo, ma ho subito desistito perché il terreno franava e sotto di me vedevo un burrone molto profondo. Urlavo per farmi sentire, ma non ricevevo risposta”. Sul posto sono arrivati i sanitari del 118 e l’eliambulanza per il recupero dell’uomo; purtroppo per Michele non c’è stato nulla da fare, è morto nell’impatto a terra.