Scoperta strepitosa: portata alla luce un’antica necropoli romana in Corsica

scoperta eccezionale

Una quarantina di anfore funerarie di origine africana sono state rinvenute in una nuova necropoli scoperta a l’Ile-Rousse in Corsica. L’annuncio degli archeologi

Scoperta a dir poco incredibile quella avvenuta in Corsica dove gli archeologi hanno rinvenuto una enorme necropoli risalente all’età romana nel cuore della città L’Ile-Rousse. Come confermato dall’Istituto francese per la ricerca archeologica preventiva, il sito è formato da una quarantina di tombe datate tra il III ed il VI secolo d.C. Si tratta di anfore africane utilizzate come urne funerarie e provenienti dalla Tunisia: gli archeologi sono riusciti a scoprirne la provenienza effettuando un’accurata analisi del loro aspetto e scoprendo che la tipologia delle anfore funerarie corrisponde ad una produzione africana di una zona della Tunisia dalla quale provenivano le principali importazioni in Corsica di quel periodo. Nella magior parte dei casi tali anfore venivano utilizzate per contenere prodotti alimentari quali olio d’oliva, vino e salamoia provenienti da Cartagine. L’Inrap ha dichiarato, in una nota stampa che “la sepoltura in grandi contenitori cilindrici era solitamente riservata ai bambini” evidenziando dunque che si tratta di una scoperta a dir poco singolare.

LEGGI ANCHE =>> 35 mummie in una necropoli egiziana: la grande scoperta è in parte italiana

Sepolture in discreto stato di conservazione

Solitamente vi è un’associazione diretta tra questa tipologie di sepolture ed edifici religiosi: è il caso del sito archeologico di Sant’Amanza o di quello di Mariana. Ma ad oggi nella zona dell’Ie-Rousse nessun edificio antico è stato scoperto. Lo stato di conservazione dei morti è considerato “medio” dato che buona parte delle sepolture ha subito, come spiegato dagli archeologi, “danni superficiali legati ai successivi sviluppi del luogo” e sono ubicate “su un’asse est-ovest con la testa ad ovest”. La scoperta è estremamente importante poichè potrebbe fornire nuovi dettagli in merito agli scambi che, durante la tarda antichità, hanno interessato la zona ed il Mediterraneo occidentale.