Maxi frana cancella oltre un chilometro di autostrada: 300 residenti completamente isolati

inghiottito un km di strada
Una gigantesca frana ha isolato tre comunità e ha ricoperto un lungo tratto dell’autostrada nazionale del Perù. Rischio di nuovi smottamenti nell’area

Tre comunità sono rimaste completamente isolate in seguito ad una massiccia frana staccatasi da una montagna arrivando a travolgere e distruggere un enorme tratto dell’autostrada nazionale PE-14. Il disastro si è verificato in Perù pochi giorni fa: lo smottamento ha interessato oltre un chilometro del tratto stradale isolando oltre 300 residenti, secondo quanto riportato dai media locali. Ma la situazione resta precaria perchè sono state rilevate crepe molto evidenti che potrebbero dunque dare origine a nuove pericolose frane. La zona dell’incidente è quella di Huari mentre le comunità rimaste isolate sono quelle di Culluchaca, San Jorge e Yunguilla, nel distretto di Pronto. Secondo l’Ancash region’s Emergency Operation Center, la frana ha provocato la formazione di enormi crepe lungo la strada e anche alcuni residenti nelle città di Anra, Uco, Huacchis e Rapayan sono stati interessati, seppur marginalmente, dallo smottamento. Le autorità hanno consigliato agli automobilisti di utilizzare la strada alternativa che collega Palca e il distretto di Huacachi per recarsi a Huari.

LEGGI ANCHE =>> Dramma in una miniera di giada in Birmania: 113 morti e centinaia di dispersi per una frana

Gli esperti spiegano quel è l’origine del fenomeno

All’origine del fenomeno, spiegano gli esperti, potrebbe esserci una deformazione gravitazionale profonda che può indurre un collasso anche catastrofico, come in questo caso. I DSGD, come vengono chiamati, sono cedimenti ‘striscianti’ particolarmente estesi e lenti che si osservano solitamente nelle zone di alta montagna e negli ammassi rocciosi; la frana in Perù potrebbe costituire solo una piccola parte della massa instabile sul pendio dato che questo processo indotto dalla gravità può spostare volumi di roccia fino a centinaia di milioni di metri cubi, con uno spessore fino a cento metri. Ma, hanno aggiunto i geologi, ciò non significa necessariamente che ulteriori collassi siano probabili nel breve periodo dato che le deformazioni gravitazionali profonde possono durare anche per centinaia o persino migliaia di anni. Saranno in ogni caso necessarie ulteriori indagini. Il sindaco Miguel Angel Jara ha riferito che sei famiglie sono state evacuate dalla zona e che i tempi per il ripristino non sono del tutto chiari dato che un ampio tratto di strada è stato completamente distrutto.