La raccolta fondi per Malika, la ragazza cacciata di casa dai genitori, ha superato i 100.000 euro

Malika Chalhy, la ragazza cacciata di casa dai genitori per il suo orientamento sessuale, sta ricevendo sostegno da tanti personaggi famosi. La raccolta fondi è stata lanciata dalla cugina della ragazza.

Nelle ultime settimane sta facendo parlare molto il caso di Malika Chalhy, la ragazza di Castelfiorentino di 22 anni cacciata di casa dai genitori a causa del suo orientamento sessuale. La ragazza è stata cacciata e disconosciuta dalla famiglia. Inoltre, le è stato impedito anche di riprendere gli indumenti rimasti in casa. La sua “colpa”? Il fatto di essere lesbica. Il suo caso è stato trattato anche dalle ‘Iene’.

In questi mesi di “solitudine”, le spese sostenute da Malika sono state ingenti, a partire dai vestiti che le mancavano, e ai pagamenti di avvocato e psicologo che in questo periodo la stanno aiutando. La cugina di Malika ha aperto una raccolta fondi per aiutarla sulla piattaforma crowdfunding ‘GoFundMe’. A oggi sono stati raccolti oltre 100.000 euro, ma la cifra è destinata a salire.

Tutta l’opinione pubblica a favore di Malika. Sono stati raccolti già 100.000 euro per aiutarla

Sono tantissimi i personaggi famosi che si sono schierati dalla parte della ragazza, da Fedez, Mahmood fino a Elodie. Anche il calcio si sta stringendo intorno a Malika e il presidente federale, Gabriele Gravina, ha espresso solidarietà alla ragazza, la quale sarà invitata presto a Coverciano. Queste le parole di Gravina: “Il ruolo del calcio è anche quello di garantire una formazione educativa dell’atleta, contrastando ogni forma di discriminazione sociale. Riteniamo che di fronte a casi del genere dobbiamo esporci per garantire la piena realizzazione della persona umana”.

Tutta l’opinione pubblica ha scelto di aiutare questa ragazza, cacciata dai genitori semplicemente per il fatto di amare una persona dello stesso sesso.