Squadra di 12enni eclusa dal torneo per obbligo vaccinazione: ma nello Stato si vaccina dai 16 anni in su

famiglie disperate

Le famiglie dei giovani giocatori 12enni che hanno raccolto denaro per due anni allo scopo di partecipare a un torneo sono infuriate. Nelle ultime ore è stata introdotta una nuova regola, l’obbligo di vaccinazione per i ragazzini, che però al momento è impossibile ottenere

La squadra giovanile di baseball della Pennsylvania è stata costretta ad abbandonare il torneo di baseball di Cooperstown Dreams Park a causa della richiesta di vaccinare i giovanissimi atleti. Steven Kaminsky, 12 anni, e i suoi compagni di squadra si stavano preparando per andare al Cooperstown Dreams Park Baseball Tournament, che si svolge a Cooperstown, New York, sede della Baseball Hall of Fame. Per poter concretizzare questo sogno hanno raccolto fondi e si sono allenati per ben due anni. “Ci siamo allenati così duramente. Non vedevamo l’ora, e ne parliamo da molto tempo. È come un sogno”, ha spiegato il ragazzino. Ma improvvisamente il torneo ha rilasciato una nuova regola aggiunta al regolamento per potervi accedere: “Tutti i partecipanti, allenatori e campeggiatori di età pari o superiore a 12 anni devono essere immunizzati contro la Covid-19 con il vaccino”. Il problema che si è venuto a creare deriva dal fatto che al momento non esiste un vaccino contro il Coronavirus approvato nello stato per ragazzini di età inferiore ai 16 anni ed in questo modo la squadra rimarrebbe esclusa. “Per me è pazzesco che non si siano limitati ad accontentarsi di test negativi”, ha detto Brandon McLean, uno dei genitori. “Sono arrabbiata”, ha aggiunto la madre di Steven, Amy Kaminsky, “Sono delusa, davvero delusa dalle persone che gestiscono questo torneo”.

LEGGI ANCHE =>> Muore poco dopo la somministrazione del vaccino Moderna: era in chemio, la verità dall’autopsia

“Rischiamo di perdere i 20mila dollari raccolti in 2 anni”

Amy ha spiegato che il costo totale per partecipare al tornero è di 20mila dollari e che annullando la partecipazione la squadra ha dovuto rinunciare a 4000 dollari che erano stati raccolti con fatica dai bambini. Se non potranno essere vaccinati in tempo perderanno anche la restante parte della cifra. “Mio marito ha inviato un’e-mail. Abbiamo chiamato un paio di volte. Non abbiamo ricevuto risposte precise”, ha detto Amy. “Abbiamo ricevuto un’e-mail generica che diceva di contattare il proprio referente del team – che sarebbe mio marito – per chiarimenti. È incredibile”. ABC di Filadelfia ha contattato l’organizzazione Cooperstown Dreams Park più volte al telefono e tramite e-mail, ma non ha ricevuto alcuna risposta. “Tutto ciò per cui abbiamo lavorato rischia di andare perso“, ha detto Steven.