Picchia la fidanzata per la sua amicizia con Balotelli: 30enne rischia 13 anni di carcere

Un ragazzo di 30 anni di Brescia era convinto che la sua fidanzata avesse una relazione con Balotelli. L’attaccante aveva provato anche a difendere la ragazza, che è una sua amica.

La gelosia ha spinto un ragazzo di 30 anni di Brescia a massacrare di botte la sua fidanzata. La sua sola colpa? L’amicizia della ragazza con il calciatore Mario Balotelli, attuale attaccante del Monza. Il ragazzo era convinto che la fidanzata avesse una relazione segreta col calciatore. In realtà i due erano solo amici.

Il fidanzato picchiava la donna, madre di due bambini piccoli, durante litigi furibondi e scenate di gelosia, solo perché egli supponeva della relazione clandestina fra i due.

La vicenda è finita al Tribunale di Brescia, dove il ragazzo è imputato di maltrattamenti, violenza sessuale e lesioni, dopo aver già subito un provvedimento di divieto di avvicinamento alla ex fidanzata. Il pm ha chiesto fino a 13 anni di carcere, dal momento che anche anni fa egli aveva ricevuto una condanna a due anni per maltrattamenti alla ragazza di un tempo.

Picchia la fidanzata, essendo ossessionato dalla gelosia verso una presunta relazione della donna con Balotelli. Ragazzo di Brescia rischia fino a 13 anni di carcere

Balotelli in passato era intervenuto in difesa dell’amica, affrontando il ragazzo anche a tu per tu in un locale del centro di Brescia. Balotelli voleva invitare l’uomo a smettere di aggredire la ragazza, lasciandola stare.

Tale atteggiamento protettivo del calciatore verso la ragazza, in realtà, non ha fatto altro che peggiorare la situazione. Nella testa del ragazzo, infatti, queste difese sarebbero state solo la conferma di tutti i suoi sospetti errati.