Sondaggi politici, sale ancora Fratelli d’Italia. La Lega perde mezzo punto ma il PD non ne approfitta

meloni salvini sondaggi pdFratelli d’Italia continua a crescere e ormai “punta” la Lega di Matteo Salvini. 

La Supermedia elaborata da YouTrend per AGI evidenzia come il partito guidato da Giorgia Meloni sia riuscito a guadagnare un altro 0,3% in questi ultimi 15 giorni, portandosi al 17,4% e rosicchiando terreno al Partito Democratico e al Carroccio.

Il PD, infatti, è salito di un solo decimo di punto, fermandosi così al 18,8%. Scende ancora la Lega, che era data al 22,9% due settimane fa e ora invece è al 22,4%. Un altro mezzo punto perso dal partito di Salvini, che resta comunque il preferito dagli italiani.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, Lega scende sotto il 23%. Risale il PD, bene M5S e Fratelli d’Italia

Il Movimento 5 Stelle, rispetto al sondaggio di due settimane fa, recupera uno 0,1% ed è dato al 17%: un risultato che i pentastellati non raggiungevano da molti mesi.

Dopo aver registrato un lieve, ma progressivo calo nelle ultime settimane, torna a guadagnare qualcosa Forza Italia, che passa dal 7,5% del sondaggio precedente al 7,7% attuale.

Il centrodestra unito conquisterebbe il 47,5% 

Pochi cambiamenti tra i partiti minori, con Azione di Carlo Calenda che viene data al 3,5%, in vantaggio di quasi mezzo punto su Italia Viva di Matteo Renzi (ferma al 3,1%).

Sinistra Italiana è al 2,3%, mentre i Verdi sono all’1,8%. Resta dietro Art.1 – MDP, che otterrebbe solo l’1,5% delle preferenze (la stessa percentuale di +Europa).

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, Fratelli d’Italia “sfonda” il muro del 17%. M5S in ripresa, sale anche il PD

In caso di ritorno al voto, il centrodestra unito riuscirebbe ad ottenere il 47,5% delle preferenze. L’eventuale alleanza progressista tra PD, M5S, Sinistra Italiana e Art.1 si fermerebbe al 39,6%, ben distante dagli avversari politici. Tuttavia, il centrosinistra potrebbe avvalersi anche del sostegno di Azione, Italia Viva, Verdi e +Europa, riuscendo così a raggiungere il 49,5%.