Tragico incidente, si lancia con il paracadute ma non si apre: morto Carlo Maestri

un morto e quattro feritiUn uomo di 60 anni originario di Parma è deceduto in seguito ad un lancio con il paracadute effettuato a Cremona. Non si è aperto ed è caduto in un campo, perdendo la vita

Con tutta probabilità si è reso conto che non ce l’avrebbe fatta l’uomo, un paracadutista originario di Parma, precipitato nel vuoto durante un lancio effettuato nella zona dell’aeroporto di Migliaro, a Cremona. Un tragico incidente quello avvenuto a poca distanza dallo scalo, nel quale è deceduto Carlo Maestri, morto intorno alle ore 14 una manciata di secondi dopo il lancio con il paracadute effettuato da un velivolo. Secondo quanto testimoniato, l’uomo si è lanciato con l’istruttore ma si è trattato di un lancio singolo, ovvero ognuno con il proprio paracadute. Quello di Maestri, 60enne nato a Parma ma residente a Sant’Ilario d’Enza, non si sarebbe però aperto e l’uomo non ha avuto alcuna possibilità di evitare il violentissimo impatto a terra. Sul posto sono arrivati i soccorritori, allertati da chi ha assistito all’incidente, ma non è stato possibile fare altro che dichiararne il decesso.

LEGGI ANCHE =>> Il paracadute non si apre, Francesco si schianta al suolo: aveva 45 anni

Le ipotesi al vaglio delle forze dell’ordine

L’impatto è avvenuto in un campo del Cremonese dove gli operatori del 118 si sono recati tentando in qualsiasi modo di rianimare il paracadutista. Sulla vicenda sono stati effettuati approfonditi sopralluoghi ed è stata avviata un’indagine per chiarire le cause dell’incidente. Molteplici le ipotesi, da una distrazione alla possibilità che qualcosa, nel meccanismo di funzionamento del paracadute non abbia funzionato ma non si escludono altre possibilità come ad esempio l’ipotesi di un malore improvviso. Nelle prossime ore verrà fatta luce sull’episodio.