Violenta una donna e fugge, pochi mesi dopo ne stupra un’altra: condannato 22enne

ha violentato due donne

Un giovane predatore sessuale è stato condannato per il duplice reato di stupro ai danni di due donne. Dopo la prima violenza è fuggito e pensava di averla fatta franca, per questo ci ha ritentato

A 22 anni ha violentato una donna per poi tentare, due mesi dopo, un altro abuso sessuale. È successo nella zona ovest di Londra dove Paulo Kretteis, questo il nome del predatore sessuale, è stato condannato dopo che una giuria lo ha dichiarato colpevole di aver stuprato due donne e di aver minacciato di ucciderle. Il primo attacco è avvenuto intorno alle 4.40 della notte, dopo che il 22enne ha incontrato la donna fuori da un bar. L’ha aggredita per poi violentarla su un ponte pedonale che transita al di sopra di una linea ferroviaria vicino a White City. Ma un passante lo ha disturbato ed è quindi fuggito mentre la donna, sconvolta, ha fermato un’auto di passaggio chiedendo aiuto ed è così stata allertata la polizia. Le forze dell’ordine hanno lanciato un appello rivolto a chiunque avesse informazioni ma l’aggressore non è stato identificato. Due mesi dopo la polizia è stata chiamata in una casa a Ealing dove una donna di circa 20 anni ha riferito di essere stata violentata da Kretteis. In seguito è stato accertato che il suo Dna corrispondeva a quello dei campioni prelevati dopo l’attacco di ottobre. Il 22enne, che viveva a Northolt, è stato condannato per i fatti avvenuti nel 2019 dalla Isleworth Crown Court lo scorso venerdì.

LEGGI ANCHE =>> 16enne viene stuprata : i parenti la costringono a sfilare in strada legata al violentatore

Le parole degli investigatori che hanno indagato sui due casi

“Ha attaccato una donna sola per strada a tarda notte, fuggendo dalla scena solo quando è stato interrotto da una persona che passava”, ha dichiarato il sergente investigativo James Bulpin che ha condotto le indagini. “Pensava di essere riuscito a farla franca, qualcosa su cui ora può riflettere mentre sconterà la pena”. L’agente investigativo Asha Adams, del Comando dell’Area Ovest che ha indagato sul secondo reato, ha dichiarato: “Kretteis è un pericoloso predatore che non ha mostrato rimorso o rispetto per nessuna delle donne che ha violentato. Il loro coraggio e impegno durante le indagini e i successivi procedimenti giudiziari sono a loro merito e spero che le loro azioni consentano ad altri sopravvissuti a gravi reati sessuali di farsi avanti”.