Dipendente molestata dal boss entra nel suo ufficio e lo affronta faccia a faccia: il video è virale

la rabbia della dipendente

Una donna ha affrontato il suo capo attaccandolo con un mocio per i pavimenti e lanciandogli contro diversi oggetti: l’uomo l’avrebbe molestata sessualmente

È entrata nell’ufficio del suo capo picchiandolo con un mocio per lavare i pavimenti e poi gettandogli contro tutto quello che ha trovato nella stanza. Il motivo è molto serio: la dipendente ha infatti accusato l’uomo di molestie sessuali e ha deciso di fronteggiarlo, mentre un’altra persona filmava l’intera scena, per poi denunciarlo. L’uomo, un funzionario governativo nel nord est della Cina, è stato licenziato dopo che il video che mostra la dipendente urlargli contro è finito sul web. Secondo quanto riportato dal New York Times l’incidente sarebbe avvenuto in un’agenzia governativa per la povertà nel distretto Beilin di Suihua, nella provincia cinese di Heilongjiang.

Il boss è stato licenziato

Il video circolato su Weibo, mostra una donna, successivamente identificata con il suo cognome, Zhou, mentre affrontava il suo capo, identificato solo come Wang. Milioni di persone hanno visto il video da quando è stato pubblicato per la prima volta la scorsa settimana. Zhou ha in mano una scopa che utilizza per attaccare ripetutamente il boss lanciandogli poi contro libri, oggetti di cancelleria e il cellulare. Wang per tutto il tempo resta seduto sulla scrivania senza mai reagire ma difendendosi verbalmente nel sottolineare che quanto da lui fatto era “solo uno scherzo”. Non è chiaro quando si sia svolto lo scontro, ma il Times ha citato notizie locali secondo cui la donna avrebbe di recente presentato una denuncia alla polizia accusando il suo capo di molestie.

LEGGI ANCHE =>> Molestata dal collega mentre guardano un film in ufficio: 34enne incarcerato per 3 mesi

Wang, direttore dell’agenzia, avrebbe inviato a Zhou messaggi di testo indesiderati e avrebbe dato anche ad altre donne in ufficio attenzioni indesiderate. Un’indagine interna avrebbe portato alla luce alcuni problemi disciplinari dell’uomo anche nella sua vita privata. Per tutte queste ragioni è stato immediatamente licenziato, mentre Zhou non ha subito alcun provvedimento disciplinare.