Scoperto maxi arsenale nascosto nelle fioriere di casa: fucili, mitragliatori, kalashnikov e pistole

La scoperta

Un uomo ha allestito un arsenale con armi e munizioni nel box di casa, nascondendo avvolte nel cellophane una decina di armi all’interno di fioriere colme di terra. È successo a Bari

Un vero e proprio arsenale è stato allestito nel box di una casa con un occultamento quasi perfetto. La scoperta effettuata dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari nelle scorse ore ha davvero dell’incredibile: gli agenti hanno rinvenuto una serie di fucili mitragliatori e di pistole, complete di munizioni. Il controllo è scattato dopo che i militari dell’Arma hanno notato, nella zona di un complesso residenziale del quartiere Picone di Bari, una serie di movimenti sospetti e hanno deciso di entrare in azione. Il controllo è stato effettuato all’interno di un box dove erano state posizionate diverse fiorirere colme di terra: un carabiniere ha pensato di controllare al loro interno ed è così stata fatta la scoperta. Le armi erano state tutte imballate con il cellophane per non rovinarsi al contatto con la terra: nella fattispecie sono stati rinvenuti due Kalashnikov AK 47, un fucile mitragliatore M16, un fucile a pompa calibro 12, un fucile calibro 5.56 e tre pistole calibro 9. Si tratta di armi con matricola abrasa e dunque di provenienza illecita. Inoltre erano state nascoste nelle fiorirere anche 550 munizioni di differente calibro. L’intero arsenale è stato sequestrato e faranno seguito accertamenti dattiloscopici e balistici per verificare se le armi siano state o meno utilizzate.

LEGGI ANCHE =>> Armi dell’Alaska vendute a privati scoperte in spedizioni segrete verso un cartello della droga Messicano

In libertà vigilata deteneva illegalmente due pistole: arrestato

Nell’ambito dei numerosi servizi di controllo delle persone sottoposte a misure di sicurezza, gli uomini del Comando Provinciale dei Carabinieri di Bari avevano già scoperto, nei giorni scorsi, un altro mini arsenale in possesso di “Maradona”, come è soprannominato Romito Antonio, classe ’77 e appartenente all’articolazione del Clan Strisciuglio operante sul Borgo Antico. L’uomo era in libertà vigilata ma durante una perqusizione domiciliare gli agenti hanno rinvenuto due pistole calibro 9 che Romito deteneva illegalmente e con i loro caricatori completi di cartucce. Arrestato, l’uomo è stato condotto nella casa circondariale di Bari.