Sondaggi politici, Fratelli d’Italia cresce ancora e “vede” PD e Lega. Il Movimento 5 Stelle al 16,9%

meloni sondaggiProsegue la discesa della Lega mentre Fratelli d’Italia continua a salire.

E’ quanto emerge dalla Supermedia elaborata da YouTrend per AGI, che mette in evidenza come il divario tra il Carroccio e il partito erede di Alleanza Nazionale si stia assottigliando sempre di più.

Rispetto al sondaggio di due settimane fa, infatti, la Lega viene data al 22,2%, con una perdita dello 0,7%. Al contrario, la forza politica guidata da Giorgia Meloni cresce proprio dello 0,7%, arrivando al 17,9%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, Fratelli d’Italia “sfonda” il muro del 17%. M5S in ripresa, sale anche il PD

Ormai tra FdI e il Partito Democratico, che resta il secondo partito più votato dagli italiani, c’è meno di un punto di differenza. I “Dem” sono infatti dati al 18,8%, con una leggerissima crescita dello 0,2% rispetto alla rilevazione di 14 giorni fa.

Il Movimento 5 Stelle non riesce a rosicchiare terreno. I pentastellati perdono uno 0,1% rispetto a quanto fatto registrare due settimane fa e si fermano al 16,9%. Bisognerà capire cosa succederà nelle prossime settimane, con il consenso che potrebbe scendere ulteriormente dopo l’addio dell’Associazione Rousseau.

Centrodestra unito al 47,7%. PD, M5S e sinistra lontani

Forza Italia è invece al 7,6%, una percentuale quasi invariata rispetto al sondaggio precedente, quando veniva data al 7,5%. Tra i partiti minori, l’unico cambiamento considerevole è quello di Italia Viva di Matteo Renzi, che perde addirittura mezzo punto percentuale e precipita al 2,7%. Azione di Carlo Calenda è al 3,1%, mentre Sinistra Italiana e Articolo 1 vengono dati rispettivamente al 2,1 e all’1,3%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, sale ancora Fratelli d’Italia. La Lega perde mezzo punto ma il PD non ne approfitta

Nel caso si tornasse alle urne, la coalizione di centrodestra con Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia conquisterebbe il 47,7% delle preferenze. L’eventuale alleanza progressista tra PD, M5S, Sinistra Italiana e Art.1 si fermerebbe al 39,1%, ben distante dagli avversari politici.

Tuttavia, includendo nella coalizione di centrosinistra anche Azione, Italia Viva, Verdi e +Europa si arriverebbe al 47,9%.