Straordinario su Marte: Ingenuity ha volato per la terza volta e si è spostato di 100 metri

elicottero di nuovo in voloNon si è soltanto alzato da terra il drone-elicottero solare, ma si è anche mosso lateralmente di un centinaio di metri prima di tornare a terra sul suolo di Marte. Nuovo successo della Nasa

Sono settimane di incredibili successi per la Nasa. Nell’arco di una manciata di ore ha infatti messo a segno un doppio successo, grazie al doppio volo dell’elicottero-drone portato su Marte da Perseverance. Poche ore fa Mars Helicopter ha infatti effettuato il suo terzo volo, senza alcun intoppo, sul pianeta rosso, dimostrando una incredibile serie di caratteristiche tra resistenza e precisione di volo che potrebbero aprire le porte a futuri voli su medie o lunghe distanze nei cieli marziani. “Terzo volo nei libri di storia – ha annuncoato il JPL della Nasa in un tweet – Il nostro Mars Helicopter continua a stabilire record, volando sempre più veloce e lontano. L’elicottero spaziale sta dimostrando capacità cruciali che potrebbero consentire l’aggiunta di una dimensione aerea alle future missioni su Marte e oltre”.

LEGGI ANCHE =>> Come suona l’alba su Marte? Ecco la melodia del pianeta rosso

Cosa ha fatto durante i primi due voli

Il decollo è avvenuto nella mattinata (ora italiana) e intorno alle 16:15 italiane sono arrivati sulla Terra i primi dati riguardanti il terzo volo di Ingenuty, immediatamente acquisiti dal team che si occupa di gestire l’elicotterino su Marte. Il drone è riuscito a raggiungere i 5 metri di altezza nel cratere Jezero e, novità importantissima, si è spostato si ben 100 metri rimanendo in volo per un totale di 80 secondi. Un risultato incredibile se raffrontato al primo volo del 19 aprile, quando Ingenuity è semplicemente salito di qualche metro, per poi tornare a terra (raggiungendo i tre metri di altezza e restando in aria per meno di 40 secondi). Nel corso del secondo volo invece l’elicottero solare ha toccato i 5 metri di altezza spostandosi lateralmente di 4 metri, tornando a terra dopo 52 secondi. E scattando una serie di foto aeree della superficie del cratere Jezero oltre che delle tracce lasciate dal rover Peserverance. I funzionari della Nasa hanno specificato che si è trattato del primo scatto “a colori della superficie marziana effettuato da un veicolo aereo mentre era in volo”. Durante il primo decollo invece sono stati realizzati scatti solo in bianco e nero utilizzando la fotocamera di nagiazione. Si attendono ora le immagini del terzo entusiasmante volo.