Positivo al Covid va in ufficio e tossice contro i colleghi provocando un maxi focolaio

ha provocato un maxi focolaio

Si è abbassato la mascherina tossendo negli uffici e dicendo “vi infetterò tutti con il Coronavirus”. L’uomo era positivo e avrebbe infettato almeno 22 persone

Avrebbe intenzionalmente tossito sui colleghi dicendo loro “ti darò tutto il Coronavirus”, infettando almeno 22 persone. La notizia arriva dall’isola di Maiorca dove un uomo con i sintomi della Covid-19 sarebbe comunque andato al lavoro iniziando a tossire volontariamente verso gli altri. Le indagini sono iniziate dopo che un focolaio si è sviluppato presso l’azienda nella quale il 40enne lavorava: è così emerso che, pochi giorni prima che l’epidemia di Covid si sviluppasse nella ditta, l’uomo aveva mostrato chiari sintomi riconducibili al Covid mentre si trovava in ufficio, rifiutando però il suggerimento dei colleghi a tornare a casa per autoisolarsi, ha dichiarato la polizia in un comunicato. Dopo il lavoro, non mostrando alcun miglioramento, si è recato a fare un test molecolare, poi poi andare in palestra e tornare al lavoro il giorno successivo.

LEGGI ANCHE >> I carabinieri piangono un altro collega morto per Covid: è il Luogotenente Giovanni Cipullo

L’uomo è stato accusato di epidemia colposa

Sebbene i suoi superiori gli abbiano ripetutamente detto di tornare a casa, dato che l’uomo aveva anche la febbre, lui ha rifiutato. Ha camminato tra gli uffici abbassando la mascherina e tossendo contro le persone, dicendo loro, “sto per infettarvi tutti con il Coronavirus”. Alla fine della giornata è arrivato l’esito del test che ha confermato la positività al Coronavirus. I colleghi sono stati immediatamente testati e cinque sono risultati positivi ma nel frattempo avevano a loro volta infettato i membri delle rispettive famiglie, tra cui tre neonati. Ma non solo perchè altre tre persone sono risultate positive nella palestra frequentata dall’uomo e così anche i componenti dei vari nuclei familiari. Fortunatamente nessuna delle persone infettate è stata ricoverata in ospedale, come confermato dalla polizia in un rapporto. Un giudice ha accusato l’uomo di epidemia colposa per poi rilasciarlo nella serata di sabato in attesa del processo, ha riferito l’agenzia di stampa spagnola Europa Press.