Bimba riconosce i segnali dello tsunami e salva centinaia di persone: la storia di Tilly Smith

La piccola Tilly Smith ha riconosciuto i segnali di un imminente tsunami ed ha salvato la vita a centinaia di persone.

Tutti si ricorderanno del devastante Tsunami che ha colpito la Thailandia nel 2004, uno dei più violenti degli ultimi anni e di certo quello che ha in tempi moderni ha causato il maggior numero di vittime. L’onda anomala è stata talmente devastante da distruggere tutte le strutture presenti nelle spiagge, ma anche quelle più distante che si trovavano allo stesso livello d’altezza. A causa di quel disastro naturale sono morte 231.594 persone (questo il numero delle vittime confermate) ma si stima che le vittime possano superare anche le 300.000 persone.

Per capire le proporzioni dei danni di quella catastrofe è forse ancora più indicativo il numero degli sfollati: si stima che abbiano perso la propria abitazione tra i 3 ed i 5 milioni di persone. L’accaduto ebbe una risonanza globale ovviamente per l’entità del disastro naturale, ma anche perché tra le vittime c’erano tantissimi turisti provenienti da ogni parte del mondo. Dopo l’accaduto l’Onu fece appello ai Paesi membri affinché aiutassero i Paesi colpiti dal disastro a ricostruire e ripartire. In totale le Nazioni appartenenti all’Onu hanno versato aiuti economici pari a 2.022.860.000 euro.

Leggi anche ->Tsunami di ghiaccio invade le strade e provoca danni: cittadini impauriti e preoccupati

Bimba capisce che sta arrivando uno tsunami e salva centinaia di persone

In questo dramma c’è spazio anche per una storia a lieto fine: quella di Tilly Smith. La bimba di 10 anni si trovava in Thailandia con la famiglia per passare le vacanze e prima che il disastro si verificasse ha capito che stava per capitare una tragedia. La piccola, infatti, aveva da poco studiato tutti i segnali premonitori di uno tsunami e quando si sono verificati li ha riconosciuti al volo. Preoccupata di ciò che stava per accadere ha pregato i genitori di andare via dalla spiaggia e mettersi in salvo.

Leggi anche ->Tsunami in Giappone: identificati i resti di una vittima 10 anni dopo il disastro

Questi inizialmente non le credevano e le dicevano che si stava spaventando per nulla. Tilly però era sicura di ciò che stava accadendo ed ha continuato ad insistere affinché non solo lei e la famiglia, ma tutti quelli che erano presenti in quel momento abbandonassero la spiaggia. A quel punto i genitori le hanno dato ascolto ed hanno cominciato ad organizzare l’evacuazione della spiaggia. Si pensa che l’avvertimento della piccola Tilly abbia messo in salvo centinaia di turisti.