Sfreccia a 160 km/h, si schianta contro due auto provoca incendio: 2 morti e 4 feriti

due morti e quattro feriti
Spaventoso incidente su un’autostrada di Houston: un uomo si è schiantato contro due veicoli uccidendo due persone e ferendone quattro. Avviate le indagini per chiarire le cause

Uno schianto ad altissima velocità su un’autostrada trafficata ha avuto come conseguenza un tragico bilancio. È successo nelle scorse ore a est di Houston, Texas, dove un uomo alla guida di un’auto si è schiantato con diversi altri veicoli provocando un incendio e la morte di due persone. Il grave incidente è avvenuto durante la notte sulla I 10 East Freeway: secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine una Dodge Challenger Hellcat che viaggiava ad oltre 160 km/h nelle corsie in direzione est dell’autostrada è stata notata da un agente che ha cercato di raggiungerla. Quando ci è riuscito era però troppo tardi: il veicolo si era scontrato con altre due auto e uno dei due veicoli, con tre persone all’interno, aveva preso fuoco.

LEGGI ANCHE =>> Gravissimo incidente mortale: motociclista scagliato a terra dopo uno scontro con due auto

Interrogato l’uomo che ha provocato il disastroso incidente

Due di loro non ce l’hanno fatta e sono deceduti mentre altre quattro persone sono rimaste ferite e sono state trasportate in ospedale da altrettante ambulanze. La polizia di Houston ha riferito che uno di loro ha riportato gravi ustioni. “Riteniamo che l’alcol non sia una concausa dell’incidente ma stiamo verificando se la ragione del sinistro sia da addebitare esclusivamente all’alta velocità”, ha dichiarato Heather Morris, assistente capo dell’HPD. Il conducente della Dodge Challenger è stato interrogato dalla polizia domenica mattina. Una donna arrivata sulla scena ore dopo l’accaduto ha detto ad ABC13 di temere che le due persone morte fossero suoi parenti, spiegando che le due ragazze erano uscite verso le 12:40 e che normalmente prendevano la East Freeway mentre tornavano a casa. “Non è normale che nessuno dei due risponda al telefono quando sono assenti”.